La tragedia di Gerusalemme senza manipolazioni e censure

La panoramica della situazione descritta dall’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari dei territori Occupati Palestinesi (OCHA).


sito OCHA

Escalation a Gerusalemme Est, Striscia di Gaza e Israele 

Aggiornamento Flash n. 2 alle 17:00 del 12 maggio 2021

La violenza e le ostilità a Gaza, Israele e Cisgiordania continuano ad alta intensità.
In risposta al continuo lancio di centinaia di razzi e colpi di mortaio in Israele da parte dei militanti di Hamas, le forze israeliane hanno effettuato estesi attacchi aerei e bombardamenti in tutta Gaza. In Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, continuano a verificarsi scontri tra palestinesi e forze israeliane. Sono stati segnalati disordini civili anche in Israele.
Secondo quanto riferito, oltre cinquanta palestinesi sono stati uccisi dal 10 maggio a Gaza e oltre 320 feriti. Si segnalano ingenti danni agli edifici residenziali e commerciali, nonché alle scuole. Tre palestinesi sono stati uccisi in Cisgiordania dalle forze israeliane e centinaia sono rimasti feriti durante la notte. In Israele, sei persone sono state uccise in attacchi missilistici e centinaia sono rimaste ferite.
L’escalation rischia di peggiorare una situazione umanitaria già povera, soprattutto a Gaza, dove il settore sanitario in difficoltà è ulteriormente gravato dalla pandemia COVID-19. L’unica centrale elettrica di Gaza potrebbe chiudere entro la fine di questa settimana per mancanza di carburante, minando la fornitura di servizi vitali.

Panoramica della situazione

Secondo le autorità sanitarie di Gaza, alle 17:00 del 12 maggio, cinquantatré palestinesi sono stati uccisi, tra cui 14 bambini e tre donne, e 320 persone sono rimaste ferite dall’inizio dell’escalation il 10 maggio. Secondo i funzionari israeliani, le forze israeliane hanno preso di mira membri di gruppi armati palestinesi, che sono tra le vittime, con alcune delle vittime confermate dai gruppi stessi.

Attacchi aerei e bombardamenti israeliani hanno colpito case e condomini. In alcune di queste proprietà, i residenti riferiscono di aver ricevuto un preavviso di evacuazione da parte di persone che si identificano come membri delle forze di sicurezza israeliane. L’edificio Hanadi a Gaza City, una struttura di 14 piani contenente unità residenziali e uffici, è stato distrutto e altri tre edifici multipiano della città sono stati colpiti e gravemente danneggiati. Oltre 350 unità abitative sono state distrutte o danneggiate e centinaia di altre hanno subito danni moderati. Numerose famiglie sono state sfollate, con circa 1.750 persone colpite.

Anche sette fabbriche, otto scuole e un centro sanitario sono stati danneggiati dagli attacchi aerei israeliani e dai razzi lanciati da Hamas caduti a distanza ravvicinata. Inoltre, sono stati colpiti decine di siti militari, strutture di polizia e di sicurezza, nonché aree aperte, con la distruzione del quartier generale della polizia di Gaza City. In generale, la popolazione ha paura e molti sono in uno stato di panico e le ostilità continuano ad alta intensità. Le strade, i mercati e i negozi rimangono chiusi e il traffico è limitato alle squadre di emergenza.

Le autorità israeliane hanno tenuto chiusi i valichi di Erez e Kerem Shalom e continuano a vietare qualsiasi pesca al largo della costa di Gaza. I valichi di Rafah e di Salah Ad Din con l’Egitto sono chiusi a causa della festa musulmana di fine Ramadan “Eid al Fitr”.

Secondo le autorità israeliane, i gruppi armati palestinesi a Gaza hanno sparato oltre 1.200 razzi e colpi di mortaio contro Israele dall’inizio dell’attuale fase di ostilità iniziata il 10 maggio, con un numero significativo di razzi caduti all’interno di Gaza, suggerendo che alcune delle vittime e dei danni a Gaza potrebbe essere il risultato del fuoco palestinese. In Israele, il lancio di razzi palestinesi ha ucciso cinque civili, tra cui tre donne e una ragazza; centinaia sono stati feriti. Un missile anticarro che i palestinesi hanno lanciato da Gaza oltre la recinzione perimetrale israeliana il 12 maggio ha ucciso un soldato israeliano e ne ha feriti altri due.

In Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, le proteste sono continuate in più località, provocando tre morti e 624 feriti. Nella notte dell’11 maggio sono stati nuovamente segnalati disordini ad Al Aqsa, nella zona della Porta di Damasco, a Sheikh Jarrah e in altre parti di Gerusalemme Est, provocando 122 feriti.

I disordini civili all’interno di Israele hanno provocato un morto, più alcuni feriti e danni alla proprietà, specialmente nelle “città miste”.

Legge internazionale

L’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani (OHCHR) ha invitato le forze israeliane a “consentire e garantire l’esercizio del diritto alle libertà di espressione, associazione e riunione. Nessuna forza dovrebbe essere usata contro coloro che esercitano pacificamente i loro diritti. Quando è necessario l’uso della forza, dovrebbe essere pienamente conforme agli standard internazionali sui diritti umani. Ciò include il divieto di uso della forza non necessaria o sproporzionata “. L’OHCHR ha inoltre affermato che Israele deve “astenersi da misure punitive, come ulteriori chiusure e restrizioni che puniscono l’intera popolazione civile di Gaza”.

Risposta umanitaria e bisogni continui

Protezione

Cisgiordania e Gerusalemme est: i gruppi di lavoro monitorano e documentano le violazioni sospette e forniscono assistenza legale e servizi di protezione dei minori come quelli di supporto mentale e psicosociale (MHPSS).

Gaza: i gruppi di lavoro continuano a valutare l’impatto dell’escalation sui gruppi vulnerabili e prevedono la necessità di ampliare i servizi di salute mentale. Secondo quanto riferito, molte persone sperimentano paura e panico. L’UNMAS continua a informare le persone dei rischi associati al residuo bellico esplosivo (ERW) per ridurre le lesioni secondarie quando rimuovono i detriti.

Salute

Cisgiordania e Gerusalemme est: la Palestine Red Crescent Society (PRCS), la Palestinian Medical Relief Society (PMRS) e la East Jerusalem Hospital Network continuano a fornire ai feriti il primo soccorso e ulteriori cure. Vengono segnalati nuovi casi di aggressioni fisiche, molestie e divieti all’accesso per operatori sanitari, paramedici e ambulanze.

Gaza: il sistema sanitario, già sopraffatto dalla lunga pandemia di COVID-19, è notevolmente sovraccarico. Le autorità sanitarie hanno fatto circolare elenchi di articoli medici per supportare la risposta alle emergenze. La carenza di elettricità colpisce ancora alcune strutture sanitarie.
Oggi L’UNRWA per motivi di sicurezza ha tenuto chiuse le sue cliniche.

Riparo

Gaza: almeno 18 edifici sono stati distrutti e oltre 350 case sono state danneggiate. Il ministero dello Sviluppo sociale ha condiviso un elenco di 500 famiglie sfollate e di altre 500 famiglie che sono state altrimenti colpite e ora hanno bisogno di kit per la biancheria da letto e indennità di affitto.

Acqua e servizi igienici

Gaza: L’impianto di desalinizzazione dell’acqua di mare di North Gaza ha smesso di funzionare a causa del rischio per i lavoratori e di una linea di alimentazione elettrica danneggiata, che compromette l’accesso all’acqua potabile di circa 250.000 persone. La carenza di elettricità colpisce ancora le strutture di Gaza “WASH”, inclusi pozzi e bacini idrici e impianti di trattamento delle acque reflue. Gli operatori non possono accedere ad alcune strutture “WASH” in sicurezza.

Formazione scolastica

Cisgiordania e Gerusalemme est: le scuole in Cisgiordania e Gerusalemme est sono chiuse per la festa musulmana di Eid al Fitr dall’11 al 15 maggio. Se la situazione dovesse aggravarsi ulteriormente, potrebbero non riaprire. Gli interventi MHPSS (Mental health and psycho-social support) e il monitoraggio delle violazioni legate all’istruzione saranno intensificati nei prossimi giorni.

Gaza: finora sono state colpite otto scuole e una struttura di istruzione superiore. I partner stanno aumentando il sostegno all’apprendimento a distanza, gli interventi MHPSS a distanza, la consegna di forniture educative di emergenza ai bambini che hanno perso la casa e inizieranno la mobilitazione delle risorse per risanare le strutture scolastiche danneggiate.

Sicurezza del cibo

Gaza: il Programma alimentare mondiale (WFP) sta monitorando i prezzi e la disponibilità delle merci sui mercati. Secondo quanto riferito, lo stock di prodotti alimentari di base è sufficiente per due mesi. Mercati e negozi sono chiusi e vari negozi sarebbero stati danneggiati, inclusi alcuni di quelli che accettano i voucher del WFP. Il ministero dello Sviluppo sociale ha condiviso un elenco di 500 famiglie sfollate e di altre 500 famiglie che sarebbero state altrimenti colpite e ora hanno bisogno di cibo e sussidi in denaro. Il WFP è pronto a fornire a 160.000 famiglie colpite un buono una tantum e sostenere gli sfollati interni (IDP) con pacchi di assistenza alimentare.
Per ulteriori informazioni e approfondimenti: https://www.ochaopt.org
La traduzione della Newsletter dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari dei Territori Occupati Palestinesi (OCHA) è stata curata dalla Tavola della Pace

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/la-tragedia-gerusalemme-senza-manipolazioni-censure/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *