E’ possibile parlare della Rai? Il 18 maggio “Un’ora con…” per provare a rompere il silenzio sul futuro del servizio pubblico



0




0

Della Rai, apparentemente, si parla tutti i giorni: polemiche che infiammano per 24 ore il dibattito politico e si spengono con la facilità con cui si sono accese. Ma sotto la superficie della lite continua non c’è un solo luogo politico-istituzionale dove la discussione tocchi il punto vero che oggi va messo all’ordine del giorno: quale ruolo spetti al servizio  pubblico nell’Italia e nell’Europa alle prese con l’uscita della pandemia, con il Next Generation EU, con una transizione che dovrebbe incidere sui modelli economici, sociali, culturali. Silenzio. Un silenzio più che idoneo a non disturbare la scelta imminente sul prossimo vertice aziendale: il totonomine si intensifica, ma le candidature fioccano slegate da qualsiasi progetto sui compiti della Rai.

Articolo 21 chiede che la discussione sui prossimi assetti acquisti trasparenza e renda chiari i programmi di chi vuole insediarsi a viale Mazzini. Come hanno chiesto i dipendenti e le dipendenti Rai che nei giorni scorsi hanno manifestato davanti alle sedi, come tornerà a chiedere il sindacato dei giornalisti il 20 maggio a Montecitorio.

“Un’ora con…”, l’incontro online in programma martedì 18 alle ore 18 su iniziativa di Articolo 21, vuole contribuire a incrinare questo strumentale silenzio.

Parteciperanno al dibattito Roberto Amen, Vittorio Di Trapani, Tiziana Ferrario, Beppe Giulietti, Riccardo Laganà, Renato Parascandolo, Barbara Scaramucci, Daniela Tagliafico, Vincenzo Vita, Roberto Zaccaria. A coordinare gli interventi saranno Elisa Marincola e Roberto Natale.

L’evento si può seguire attraverso i seguenti link:
https://www.facebook.com/events/1419213715108104/
https://youtu.be/N3HXdcEC5qY


Iscriviti alla Newsletter di Articolo21


Fonte: Articolo 21 – https://www.articolo21.org/2021/05/e-possibile-parlare-della-rai-il-18-maggio-unora-con-per-provare-a-rompere-il-silenzio-sul-futuro-del-servizio-pubblico/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *