Cento bombardamenti in una notte!

Dopo la giornata di ieri con 42 uccisi, nella notte Israele ha colpito la Striscia oltre 100 volte. Duecento le vittime da lunedì scorso, ci sono anche due medici. Blackout nell’enclave palestinese. Gli Usa bloccano ancora la dichiarazione del Consiglio di Sicurezza. Domani sciopero generale dei palestinesi cittadini israeliani


10554338_0-0-3072-1930_1200x0_80_0_1_4e74163ef49ecdb0b3fe5644209a1621

Una notte pesantissima quella appena trascorsa che segue a una giornata, domenica, tra le peggiori da quando è cominciata l’operazione israeliana “Guardiani delle mura”, lo scorso lunedì 10 maggio: dopo l’uccisione di 42 persone solo ieri, nella notte l’aviazione israeliana ha colpito oltre cento volte la Striscia, prendendo di mira campi di addestramento di Hamas, ma anche case, edifici residenziali e un’abitazione di quattro piani vicino all’ospedale al-Shifa, a Gaza City.

L’ospedale più grande della Striscia è pieno, i medici lavorano a ritmi serrati: accanto ai 197 morti finora registrati (di cui 58 bambini e 34 donne), ci sono migliaia di feriti.

Tra i morti si registrano anche due medici, Ayman Abu al-Auf e Moean Alalol. Secondo Save the Children ogni ora vengono feriti tre bambini, numeri insostenibili.

Secondo Wafa, l’agenzia di stampa palestinese, nella notte sarebbero stati uccisi altri civili, ma è difficile dare un bilancio a causa delle difficoltà a raggiungere i luoghi degli attacchi: le strade sono state bombardate. Anche per questo l’Egitto ha aperto il valico di Rafah al transito di palestinesi feriti, al momento ne sarebbero passati 263.

Una situazione a cui si aggiungono i blackout (la Gaza Electricity Distribution Company parla di mancanza di elettricità in ampie zone della Striscia, dopo il danneggiamento di una linea nella zona sud di Gaza City) e le parole del premier israeliano Netanyahu che sabato ha reiterato l’intenzione di proseguire nell’offensiva contro Gaza, “fin quando sarà necessario”.

Sale il bilancio delle vittime per i missili di Hamas anche in Israele: 10 
Lo ha fatto mentre a Gaza crollava l’edificio di 12 piani che ospitava i media internazionali, da Al-Jazeera all’Ap a Middle East Eye, oltre ad appartamenti civili. In merito la direttrice dell’Associare Press, Sally Buzbee, ha chiesto un’inchiesta indipendente sull’attacco israeliano alla stampa.

Intanto sul piano internazionale, si muove ben poco.

Ieri gli Stati Uniti hanno bloccato per la terza volta una dichiarazione congiunta del Consiglio di Sicurezza che chiedeva il cessate il fuoco tra Israele e Hamas e condannava entrambe le parti per le violenze in corso.

L’ennesimo veto dopo quelli di lunedì e mercoledì scorso.

Washington insiste sulla diplomazia dietro le quinte e parla di “intensi sforzi diplomatici in corso” senza dare maggiori dettagli. Dopotutto ieri il segretario di Stato Usa Antony Blinken ha chiesto una fine delle violenze senza però parlare di cessate il fuoco.

Ma negli Stati Uniti cresce la fronda interna al partito democratico, con 28 senatori che hanno fatto pressioni sull’amministrazione Biden con un comunicato congiunto perché si impegni subito nella ricerca di una tregua. Tra loro Elizabeth Warren, Bernie Sanders e Amy Klobuchar.

Intanto dentro Israele prosegue la protesta dei palestinesi cittadini israeliani.

Ieri l’High Follow-up Committee for Arab Citizens of Israel – una federazione di organizzazioni di cui fanno parte comuni, membri della Knesset, movimenti della società civile – ha annunciato per domani uno sciopero generale per protestare contro l’aggressione israeliana alla Striscia, ma anche contro la repressione delle proteste a Gerusalemme, in Cisgiordania e nelle città israeliane.

Il capo del Comitato, Mohammed Barakeh, ha scritto alle Nazioni Unite e all’Unione Europea per chiedere loro di assumere misure di protezione dei palestinesi.

Nena News
17 maggio 2021

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/cento-bombardamenti-notte/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *