Fate entrare almeno gli aiuti umanitari!

Mark Lowcock, Sotto Segretario generale per gli affari umanitari e coordinatore degli aiuti d’emergenza delle Nazioni Unite chiede una tregua umanitaria.


A Palestinian woman sits with a child after receiving food supplies from the United Nations' offices at the United Nations' offices in the Khan Yunis refugee camp in the southern Gaza Strip on February 11, 2018.
On January 16, Washington held back $65 million that had been earmarked for the UN Relief and Works Agency for Palestinian refugees (UNRWA), but the State Department denied the freeze was to punish the Palestinian leadership, which has cut ties with President Donald Trump's administration following his recognition of Jerusalem as Israel's capital last year, with a spokeswoman saying it was linked to necessary "reform" of UNRWA. / AFP PHOTO / SAID KHATIB

Schermata 2021-05-19 alle 11.58.38

Mark Lowcock, Sotto Segretario generale per gli affari umanitari e coordinatore degli aiuti d’emergenza

Dichiarazione sulla situazione nei territori palestinesi occupati e in Israele

L’attuale escalation delle ostilità ha causato immense sofferenze. Detesto la violenza che ha ucciso e ferito decine di bambini e altri civili e ha causato ingenti danni alle case e alle infrastrutture vitali.

Le ostilità devono finire. Faccio eco alle richieste del Segretario generale alle parti di fermare i bombardamenti aerei e di artiglieria e il lancio indiscriminato di razzi. Questi atti non hanno portato altro che morte, distruzione e traumi diffusi in tutto il territorio palestinese occupato e in Israele.

Le parti devono rispettare il diritto internazionale umanitario, compresi i principi fondamentali di distinzione, proporzionalità e precauzione. Tutte le parti devono prestare costante attenzione a risparmiare civili e oggetti civili da danni.

A Gaza, sono profondamente turbato dalle notizie di bombardamenti israeliani ad alta frequenza. Non esiste un posto sicuro a Gaza, dove 2 milioni di persone sono state isolate con la forza dal resto del mondo, per oltre 13 anni. Il lancio indiscriminato di razzi da parte di gruppi armati verso aree popolate in Israele è inaccettabile e deve finire.

Le ostilità hanno sfollato oltre 58.000 palestinesi, molti dei quali cercano rifugio nelle scuole dell’UNRWA in tutta Gaza. Sono preoccupato per la trasmissione di COVID-19 tra le persone vulnerabili che affollano i rifugi e per l’incapacità del sistema sanitario di farcela.

Danni a infrastrutture vitali e scorte di carburante insufficienti hanno colpito i servizi idrici, sanitari e igienici per centinaia di migliaia di persone. La mancanza di energia elettrica e il danno al Laboratorio Centrale del Ministero della Salute di Gaza ostacolano la fornitura di assistenza sanitaria in dozzine di centri in tutta Gaza.

Per rispondere alle esigenze è necessario affrontare due criticità. In primo luogo, abbiamo bisogno di finanziamenti adeguati per consentire una risposta rapida. Il coordinatore umanitario, Lynn Hastings, spera di liberare circa 14 milioni di dollari dal Fondo umanitario OPT. Invito i donatori ad accelerare senza indugio i loro contributi al Fondo. Questo è per bisogni immediati. Il Segretario generale e io lanceremo a breve un appello più completo.

In secondo luogo, l’accesso è fondamentale. Senza questo, la comunità umanitaria non è in grado di rispondere nella misura necessaria. I valichi con Gaza devono essere aperti e rimanere tali per l’ingresso di forniture essenziali e umanitarie, compreso il carburante per i servizi di base e le forniture per frenare la diffusione di COVID-19. L’apertura dei valichi garantirà anche l’uscita dei pazienti che necessitano di cure salvavita e l’ingresso di speciali squadre chirurgiche di emergenza per curare i feriti.

Riconosco gli sforzi intrapresi oggi per aprire il valico di Kerem Shalom, consentendo ai camion di rifornimento dell’UNRWA di entrare a Gaza. Purtroppo, altri carichi umanitari essenziali non sono stati in grado di attraversarlo. Chiedo l’apertura sostenibile del valico di Kerem Shalom per l’ingresso di forniture di emergenza essenziali e umanitarie compreso il carburante e l’apertura del valico di Erez per consentire l’evacuazione del personale internazionale non essenziale e l’ingresso di personale umanitario internazionale critico.

Invito tutte le parti a consentire e facilitare il passaggio rapido e senza ostacoli degli aiuti umanitari per i civili bisognosi.

Chiedo a tutte le parti delle ostilità di accettare una pausa umanitaria per consentire la distribuzione di aiuti umanitari di emergenza e per i civili di acquistare cibo e acqua, cercare cure mediche e occuparsi di altre necessità di emergenza.

New York, 18 maggio 2021

La traduzione dell’intervento è stata curata dalla Tavola della pace

Documento ufficiale: USG-ERC Mark Lowcock_Statement on the situation in OPT and Israel

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/fate-entrare-almeno-gli-aiuti-umanitari/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.