La proposta di bilancio di Biden finanzia la maggior parte dei dittatori del mondo

https://davidswanson.org/bidens-budget-proposal-funds-most-of-the-worlds-dictators/

Non c’è niente di nuovo in questo, ed è per questo che so che c’è prima di aver visto la nuova proposta di bilancio. Gli Stati Uniti finanziano la maggior parte dei militari più oppressivi del mondo, vendono loro armi e li addestrano. Lo hanno fatto per molti anni. Ma se avete intenzione di proporre un bilancio enorme che si basa sul deficit di spesa, e avete intenzione di sostenere che un bilancio militare gargantuesco (più grande del bilancio della guerra del Vietnam che fece deragliare le priorità interne di LBJ) è in qualche modo giustificato, allora penso che dovreste stare in piedi e giustificare ogni pezzo di esso, compreso il 40% circa degli “aiuti” esteri degli Stati Uniti che sono in realtà soldi per armi e militari – in primo luogo per Israele.

Una fonte finanziata dal governo degli Stati Uniti per una lista dei governi oppressivi del mondo è Freedom House, che classifica le nazioni come “libere”, “parzialmente libere” e “non libere”. Queste classifiche sono presumibilmente basate sulle libertà civili e i diritti politici all’interno di un paese, senza apparentemente alcuna considerazione dell’impatto di un paese sul resto del mondo.

Freedom House ritiene che i seguenti 50 paesi (prendendo dalla lista di Freedom House solo paesi e non territori) siano “non liberi”: Afghanistan, Algeria, Angola, Azerbaijan, Bahrain, Bielorussia, Brunei, Burundi, Cambogia, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Cina, Repubblica Democratica del Congo (Kinshasa), Repubblica del Congo (Brazzaville), Cuba, Gibuti, Egitto, Guinea Equatoriale, Eritrea, Eswatini, Etiopia, Gabon, Iran, Iraq, Kazakistan, Laos, Libia, Mauritania, Nicaragua, Corea del Nord, Oman, Qatar, Russia, Ruanda, Arabia Saudita, Somalia, Sudan del Sud, Sudan, Siria, Tagikistan, Thailandia, Turchia, Turkmenistan, Uganda, Emirati Arabi Uniti, Uzbekistan, Venezuela, Vietnam, Yemen.

Il governo degli Stati Uniti permette, organizza, o in alcuni casi fornisce persino i finanziamenti per le vendite di armi statunitensi a 41 di questi paesi. È l’82%. Per produrre questa cifra, ho esaminato le vendite di armi degli Stati Uniti tra il 2010 e il 2019, come documentato dallo Stockholm International Peace Research Institute Arms Trade Database, o dall’esercito statunitense in un documento intitolato “Foreign Military Sales, Foreign Military Construction Sales And Other Security Cooperation Historical Facts: As of September 30, 2017”. Ecco i 41: Afghanistan, Algeria, Angola, Azerbaijan, Bahrain, Brunei, Burundi, Cambogia, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Cina, Repubblica Democratica del Congo (Kinshasa), Repubblica del Congo (Brazzaville), Gibuti, Egitto, Guinea Equatoriale, Eritrea, Eswatini (ex Swaziland), Etiopia, Gabon, Iraq, Kazakistan, Libia, Mauritania, Nicaragua, Oman, Qatar, Ruanda, Arabia Saudita, Sudan, Siria, Tagikistan, Thailandia, Turchia, Turkmenistan, Uganda, Emirati Arabi Uniti, Uzbekistan, Vietnam, Yemen.
Delle nove nazioni “non libere” a cui gli Stati Uniti non spediscono armi, la maggior parte di esse (Cuba, Iran, Corea del Nord, Russia e Venezuela) sono nazioni comunemente designate come nemiche dal governo degli Stati Uniti, offerte come giustificazioni per aumenti di bilancio dal Pentagono, demonizzate dai media statunitensi, e prese di mira con sanzioni significative (e in alcuni casi tentati colpi di stato e minacce di guerra). Lo status di questi paesi come nemici designati, secondo alcuni critici di Freedom House, ha anche molto a che fare con il modo in cui alcuni di loro sono entrati nella lista delle nazioni “non libere” piuttosto che “parzialmente libere”. Una logica simile potrebbe spiegare l’assenza di alcuni paesi, come Israele, dalla lista dei “non liberi”.

La Cina può essere il “nemico” di cui si sente parlare di più dal governo degli Stati Uniti, ma il governo degli Stati Uniti collabora ancora con la Cina, non solo nei laboratori di armi biologiche, ma anche permettendo alle aziende statunitensi di vendere armi.

Ora facciamo un’altra corsa attraverso la lista dei 50 governi oppressivi, perché oltre a vendergli armi e addestrarli, il governo degli Stati Uniti fornisce anche finanziamenti direttamente ai militari stranieri. Dei 50 governi oppressivi, come elencati da Freedom House, 32 ricevono “finanziamenti militari esteri” o altri finanziamenti per attività militari dal governo degli Stati Uniti, con – è estremamente sicuro dire – meno indignazione nei media statunitensi o dai contribuenti statunitensi di quanta ne sentiamo per la fornitura di cibo alle persone negli Stati Uniti che hanno fame. Ho basato questa lista sulla giustificazione del bilancio del Congresso dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID): FOREIGN ASSISTANCE: SUMMARY TABLES: Fiscal Year 2017, e Congressional Budget Justification: FOREIGN ASSISTANCE: SUPPLEMENTARY TABLES: Fiscal Year 2018. Ecco i 33: Afghanistan, Algeria, Angola, Azerbaijan, Bahrain, Bielorussia, Cambogia, Repubblica Centrafricana, Cina, Repubblica Democratica del Congo (Kinshasa), Gibuti, Egitto, Eswatini (ex Swaziland), Etiopia, Iraq, Kazakistan, Laos, Libia, Mauritania, Oman, Arabia Saudita, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Siria, Tagikistan, Thailandia, Turchia, Turkmenistan, Uganda, Uzbekistan, Vietnam, Yemen.

Su 50 governi oppressivi, gli Stati Uniti sostengono militarmente in almeno uno dei tre modi discussi sopra, 48 di essi o il 96%, tutti tranne i piccoli nemici designati di Cuba e Corea del Nord. E questa generosità dei contribuenti statunitensi si estende ben oltre i 50 paesi. Guardate l’ultima mappa qui sopra. Ci sono pochissime macchie bianche su di essa.

Per saperne di più su questo argomento, vedi 20 dittatori attualmente sostenuti dagli Stati Uniti.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Fonte: Pax Christi – https://www.paxchristi.it/?p=18313

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *