Un viaggio attraverso Sheikh Jarrah

Huda Imam: “ai miei occhi, il quartiere di Sheikh Jarrah, dove sono nata, cresciuta e vivo ancora oggi, è la Palestina. Questa è casa mia”


GettyImages-1231808332

La casa della mia infanzia, dove vivo ancora oggi, si trova nel mezzo del quartiere di Sheikh Jarrah che corre lungo Nablus Road, a poche centinaia di metri da Bab al-Amoud o Porta di Damasco.

Mentre assistiamo alle famiglie palestinesi che si oppongono allo spostamento forzato dalle loro case a Sheikh Jarrah, dovremmo chiederci perché noi palestinesi non possiamo tornare a vivere nelle nostre case originali a Baqa’a, Qatamon e Talbiyeh. Immaginiamo che una famiglia ebrea prima della Nakba del 1948 vivesse in una casa a Sheikh Jarrah nella zona chiamata Kubbanyet Jaouni o Um Haroun (Israele la chiama Shim’on Hazadik).

Perché i coloni che non appartengono al luogo dovrebbero essere autorizzati e persino invitati a rientrare in possesso delle loro proprietà mentre a noi palestinesi non è permesso farlo?

Sono in possesso di atti autentici che dimostrano che mio padre, Fareed Imam, è il proprietario della nostra casa che si trova in 17 Uzya Street, Baqa’a, ma non mi è permesso vivere lì.

Durante queste ultime settimane, mentre gli abitanti di Gerusalemme e le loro case a Sheikh Jarrah sono stati minacciati sempre di più, i racconti d’infanzia raccontati da mio padre durante le nostre passeggiate pomeridiane all’ospedale St. Joseph (il mio luogo di nascita) rimangono radicati nella mia mente, cuore e anima. Avendo rievocato storie sui crociati e su Salah ad-Din al-Ayyoubi durante la lezione di storia, ero orgoglioso, in giovane età, di conoscere già le storie di Riccardo Cuor di Leone e Sheikh Jarrah (Jarrah che significa chirurgo). Hussam al-Din al-Jarrahi, era il medico personale di Salah ad-Din, da cui prende il nome il mio quartiere.

Il significato socio-geopolitico del nostro quartiere a Gerusalemme Est, all’epoca sotto il dominio giordano, non era considerato una minaccia. Ci siamo sentiti vicini a tutti i nostri vicini che appartenevano a nazionalità diverse; eravamo una famiglia. Quando mia madre aveva urgente bisogno di mio padre (e all’epoca non c’erano telefoni cellulari), mandava uno di noi bambini a casa del nostro vicino, il giudice Nihad Jarallah, dove l’annesso di Al-Mashrou’ al-Insha’i (il progetto di sviluppo arabo) è stato individuato. Qui troveremmo gli eleganti uomini di Gerusalemme seduti a discutere della Palestina e di altre questioni. Tra loro c’erano Musa Alami, il fondatore di Al-Mashrou’ e un importante nazionalista e politico che rappresentò la Palestina in varie conferenze arabe, così come Victor Hallak, l’antiquario di Gerusalemme, che indossava il suo chapeau melon (boccetta).
“Perché, dal momento che erano in guerra, Salah ad-Din avrebbe mandato il suo tabeeb personale (medico), il chirurgo al-Jarrahi, a curare Cuor di Leone, Baba?” La sua risposta è stata chiara: “Questo è esattamente ciò che significa tolleranza, bambina mia”.

Amavamo i nostri vicini. Gina Abuzalaf, la mia anima gemella, con la quale abbiamo scalato tutti gli alberi di Sheikh Jarrah ed esplorato le sue grotte nascoste, era la mia vicina di casa. Prima del 1967, la sua casa, di proprietà del quotidiano Al-Quds, era affittata al consolato siriano. Anche Emile e Odette Safieh, i genitori di Diana, Jean e il diplomatico palestinese Afif, che hanno prestato servizio in molti paesi, erano vicini di casa, così come Amani Kanaan. È stato alle nostre feste di adolescenti a casa di Amani che ho incontrato per la prima volta l’arcivescovo Hilarion Capucci, il vicario patriarcale siriano della Chiesa melchita che Israele in seguito deportò per la sua posizione politica verso la Palestina.

Con origini ed edifici che risalgono al XVI secolo, il quartiere di Sheikh Jarrah ha ospitato tutte le missioni diplomatiche arabe prima del 1967. Il consolato libanese si trovava in una casa che appartiene alla famiglia Husseini e che ora funge da residenza del rappresentante irlandese. Durante il mandato britannico, il mufti di Gerusalemme, così come il diplomatico e scrittore libanese George Antonius e sua moglie Katy, vivevano in questa parte di Sheikh Jarrah. Il consolato egiziano si trovava nell’edificio dove oggi si trova il consolato francese. Accanto ad essa, una casa costruita in stile anni ’20, di proprietà del notabile palestinese Rawhi Abdel Hadi, rimane ancora oggi il consolato belga. Di fronte al Mount Scopus Hotel c’era il consolato dell’Arabia Saudita, oggi occupato dallo Shabak (l’intelligence israeliana). Molti anni dopo, quando incontravo la famiglia Murad durante una delle mie visite in Giordania, li intrattenevo con i racconti del quartiere di Sheikh Jarrah e dicevo ai loro nipoti: “La tua casa, costruita da tuo nonno Mured Murad, è bellissima! È vero vicino a casa nostra. Quindi torna indietro e caccia via lo Shabak così puoi tornare a viverci dentro!” A seguito della guerra del 1967, la casa fu confiscata, “giustificata” sulla base di una delle leggi più ingiuste e faziose della storia, la legge sull’assenteismo che impedisce ai palestinesi che si trovavano nel Paese anche durante il Guerra dal rivendicare le loro case. Sebbene ciò violi il diritto internazionale, molti palestinesi sono classificati come “assenti” nonostante il fatto che loro, i proprietari di queste proprietà, fossero effettivamente presenti fisicamente! Esattamente come accadde nel 1948, quando la nostra casa a Baqa’a, la colonia greca di Gerusalemme, fu espropriata anche se in quel momento mio padre era presente nella sua terra a Gerusalemme.

Il colorato passato del quartiere di Sheikh Jarrah e di Baqa’a evocano la nostalgia per molti di noi – familiari e amici che ne ricordano la storia e la gente. “La Belle Epoque”, questa è la nostra eredità, e noi palestinesi continueremo ad appartenere al nostro paesaggio, cultura, alberi, uccelli e brezza fresca. Rimarremo nelle nostre case e trarremo la nostra forza e speranza dall’onorevole shabab al-Quds (gioventù di Gerusalemme) che saluto e che attualmente si alza e resiste all’emarginazione e alla pulizia etnica con uno spirito di unità, determinazione e dignità, combattendo per i nostri diritti a Gerusalemme, fino alla fine dell’occupazione.

Oggi, il quartier generale della polizia di occupazione israeliana ha sede in un edificio che doveva diventare l’ospedale austriaco per sostituire l’ospizio austriaco sulla Via Dolorosa. Affacciate sul Wadi al-Joz e sul Monte degli Ulivi, unità abitative di nuova costruzione occupano il sito di quello che un tempo era l’hotel più affascinante di Gerusalemme, lo Shepherd Hotel, demolito nel 2011. Il Parklane Hotel, oggi consolato turco, era ospita il primo ufficio dell’OLP.

Quando ero bambina, i nostri spazi preferiti e più avventurosi per giocare a nascondino con i bambini del vicinato erano il Tombeau des Rois e le grotte di Kubbanyet Jaouni/Um Haroun (esattamente dove le famiglie sono attualmente minacciate di espulsione). Prima del 1967, questi erano spazi aperti dove nessuno avrebbe pensato di installare una barriera o chiuderci la porta.
L’estrema trasformazione fisica, sociale e spirituale in corso nel quartiere di Sheikh Jarrah mi spaventa. La bella architettura e i pini secolari che si protendono verso il cielo azzurro offrono un tale sollievo sullo sfondo della brutta realtà che si trova sotto di loro, al di là della portata della natura. Oggi mentre cammini nel nostro quartiere di Sheikh Jarrah, senti l’odore della sua aria inquinata da “acqua puzzola” seguita da gas lacrimogeni, proiettili di gomma e granate. Osservi coloni armati che camminano in giro, chiamando “Morte agli arabi”. Mentre Israele sta espropriando proprietà e violando i diritti dei palestinesi, i suoi residenti e abitanti nativi, come mia sorella, mio fratello e migliaia di palestinesi, bramano una semplice visita in Palestina e nella nostra amata Gerusalemme. Nel frattempo, l’occupazione militare invita i coloni che non hanno legami o legami con il luogo, lo spazio, la città, il paesaggio o la cultura di Gerusalemme, a venire a vivere a Sheikh Jarrah.
Nabil al-Kurd, residente a Sheikh Jarrah la cui famiglia è stata espulsa da Haifa durante la Nakba, è diventato un’icona degli sfratti israeliani. Foto di Huda Imam.

Mentre camminiamo a sud verso la Porta di Damasco e la Città Vecchia ogni giorno, siamo colpiti più e più volte dalla vista di case palestinesi che mostrano un numero crescente di bandiere israeliane, offerte dal governo israeliano – come se possedesse la città – per gruppi arroganti di colonizzatori che non appartengono a questo luogo ma a cui è stato fatto il lavaggio del cervello per credere di avere diritti più importanti di quelli dei proprietari palestinesi. Intanto le nostre case a Baqa’a, Talbiyeh e Qatamon, nella parte occidentale di Gerusalemme, ci stanno ancora aspettando. Le persone che abitano nelle nostre belle case nella nuova città solo perché hanno calpestato i nostri diritti ed espropriato le nostre case non ci appartengono e non hanno diritto di starci. Lo storico cimitero dell’XI secolo nel quartiere Mamilla (ma’manillah o il santuario di Dio), che collega la Città Vecchia alla città nuova, viene profanato dal Centro Wiesenthal e dal comune di occupazione israeliano per costruire il Museo della Tolleranza – un’altra atrocità che dimostra come l’occupazione israeliana tenti di cancellare l’eredità e l’identità palestinesi. Eppure la nazionalità palestinese non è mai stata così potente come oggi!

La colonizzazione sta divorando i nostri bei quartieri di Silwan, Issawiya e la Città Vecchia, mentre gli abitanti nativi di Gerusalemme non hanno il diritto di costruire e non sono protetti dai coloni aggressivi armati.

Continuando la nostra passeggiata attraverso Sheikh Jarrah su Ragheb Nashashibi Street, passiamo davanti al consolato britannico e alla fine raggiungiamo una facciata a mosaico blu da non perdere. Qui si trova il bellissimo palazzo di Issaf Nashashibi, il famoso poeta che invitò amici come Ma’ruf al-Rusafi, Khalil Sakakini, Ibrahim Tuqan e altri intellettuali provenienti dalla Siria, dall’Iraq e dal Libano nei suoi saloni di letteratura ad Al-Quds.
La colonizzazione ebraica a Gerusalemme ha implicazioni più negative per Israele che per noi palestinesi perché apre i fascicoli nascosti del 1948 ed espone la mancanza di restituzione/recupero delle proprietà palestinesi nella nuova città, conosciuta oggi come Gerusalemme Ovest. (Secondo uno studio del professor Salim Tamari, il 77% della Gerusalemme Ovest prima del 1948 è di proprietà di arabi/palestinesi.)

Ai miei occhi, il quartiere di Sheikh Jarrah, dove sono nata, cresciuta e vivo ancora oggi, è la Palestina. Questa è casa mia. L’altra mia casa, anche il mio luogo di appartenenza, forse anche di più, è la nostra casa a Baqa’a (confiscata nel 1948 da Israele e nel 1998 venduta per 5 milioni di dollari da Netanyahu). Oggi Arieh King, il padrino della colonizzazione e del movimento dei coloni, twitta che la casa di Al-Kurd a Sheikh Jarrah è in vendita!

di Huda Imam*

Huda Fareed Imam è nata a Sheikh Jarrah, Gerusalemme. È la fondatrice del Centro universitario Al-Quds per gli studi di Gerusalemme e serve come fiduciario in una serie di istituzioni che includono il Jerusalem Quarterly, il progetto VIP e il progetto Hands Up. Attivista impegnata e attrice occasionale, Huda contribuisce alla conservazione del patrimonio culturale e dell’identità palestinese a Gerusalemme.

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/un-viaggio-sheikh-jarrah/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *