La collaborazione settoriale allineata per il cambiamento strutturale

Print Friendly

Autore: Fabi Fugazza, BBus&Comm (Marketing) LLB WSU MMgmt Sydney GDLP ANU

Kramer ha scritto nel suo saggio “Catalytic Philanthropy“, che per creare un cambiamento sistemico è necessaria una “campagna duratura per aumentare la capacità e il coordinamento di un intero settore, insieme a una maggiore consapevolezza pubblica e … politiche governative più forti”. 

La necessità di un cambiamento sistemico è nettamente evidente nella società italiana, per la ripresa ed il continuo benessere di gruppi che negli ultimi 5 anni sono stati oggetto di una retorica negativa da parte di alcune forze politiche e di alcuni media.

Le organizzazioni della società civile, in particolare quelle che si occupano di diritti dei migranti e dei rifugiati, e gli stessi gruppi composti da minoranze, sono stati presi di mira e il contenuto e l’intensità di questi attacchi hanno messo in discussione i valori democratici che l’Italia professa di incarnare. Coloro che aiutano le comunità emarginate sono stati etichettati essenzialmente come “buonisti” o attivisti criminali, e quei giornalisti che hanno osato criticare le azioni del governo, sono stati presi di mira. Di conseguenza, sono anche aumentati gli attacchi contro molte categorie: dagli stessi giornalisti agli avvocati per i diritti umani, dagli attivisti ai rappresentanti di alcune minoranze, tra cui neri, Rom e Sinti, tanto che anche l’ONU è intervenuto per criticare questi atteggiamenti.

Il modo per perseguire questo cambiamento sistemico è attraverso un movimento settoriale allineato verso un cambiamento narrativo. Mettere in discussione la validità delle argomentazioni alla base degli atteggiamenti populisti e xenofobi che dominano l’agenda politica non è abbastanza efficace se fatto da soli. Organizzazioni come CILD hanno fatto questo lavoro per un certo numero di anni e hanno notato che, pur essendo efficace e necessario, questo non può bastare a rispondere alle narrazioni negative basate su menzogne e fake news. Che questo non basti diventa evidente anche di fronte al declino del valore dei fatti nell’era “post-verità” di Trump (Rose, 2017). Fatti, cifre e scienza non bastano più. Chi lavora per promuovere la solidarietà deve sostituire i racconti negativi e xenofobi (incentrati sulla paura) con racconti positivi e pieni di speranza (incentrati sulla promozione delle opportunità). Questo è uno sforzo che deve essere guidato da un settore allineato. 

COS’È IL CAMBIAMENTO NARRATIVO?

La motivazione del comportamento umano nei confronti di qualsiasi questione o causa dipende in gran parte dalla realtà collettiva, costruita attraverso narrazioni e percepita da una popolazione e da essa creduta. Queste narrazioni sono generalmente veicolate da gruppi influenti, compresi i media e i politici, e determinano le azioni e le politiche che il pubblico accetterà, di solito per quanto riguarda il trattamento dei gruppi emarginati o minoritari. Pertanto, per poter cambiare la politica e il sentimento pubblico, è necessario prima di tutto cambiare le convinzioni o le narrazioni sottostanti, che sono collettivamente credute in riferimento a questioni controverse.

COSA SI INTENDE PER CAMBIAMENTO STRUTTURALE?

Quando un problema esiste perché la struttura di un sistema – i processi, le politiche e i comportamenti radicati all’interno di un’istituzione – è impostata per creare o esacerbare quel problema, qualsiasi azione intrapresa che non riesce a raggiungere e cambiare gli elementi di quel sistema sarà inefficace per risolverlo veramente. Di solito questi problemi strutturali sono causati o alimentati da narrazioni che aiutano a giustificare i difetti strutturali del sistema. Prendiamo, ad esempio, l’arresto di singoli agenti di polizia in risposta alle proteste per la morte di persone di colore in custodia. L’arresto di un individuo sarà una risposta per uno dei sintomo del problema, ma non risolverà la questione più ampia, poiché l’intero sistema contiene processi e pratiche che fanno in modo che le persone di colore rimangano sovrarappresentate negli arresti e siano trattate in modo più duro. Questi processi e pratiche sono costruite sulla base di una falsa rappresentazione del fatto che queste persone sono intrinsecamente più pericolose o criminali (Smiley & Fakunle, 2016).

È in questi momenti che il cambiamento strutturale è l’unica soluzione reale: arrivare alla radice del problema all’interno dei sistemi, comprese le false narrazioni, per rivedere quelle stesse narrazioni e gli elementi difettosi. Nel cambiamento sistemico puntiamo a creare impatti sostenibili e scalabili, dove i governi, le imprese e la società civile possano essere padroni dell’attuazione del cambiamento e sostenerlo. I racconti, i processi e le pratiche negative devono essere sostituiti con racconti positivi.

 

CAMBIAMENTO NARRATIVO A LIVELLO DI SETTORE

Il cambiamento narrativo avviene attraverso una grande varietà di azioni, intraprese da numerosi protagonisti, che poi si combinano per promuovere la storia dominante che coloro che, nella popolazione, la ricevono e la interiorizzano sia consciamente che inconsciamente e la mettono in atto.

Il cambiamento narrativo è facilitato da iniziative di comunicazione, e avviene essenzialmente in due modi, generalmente consecutivi:

  1.     Diffondendo inizialmente la narrazione spingendo la nuova narrazione attraverso i media e la cultura pop;
  2.     Usando questo slancio per iniziare a spingere per cambiamenti sociali più profondi e radicati, tra cui l’incanalamento di nuovi contenuti narrativi nell’educazione e nella politica, la promozione di un cambiamento di linguaggio e di fraseologia all’interno della società e, infine, la promozione  e l’erogazione di finanziamenti pubblici per garantire il benessere dei gruppi emarginati.

Mentre le singole organizzazioni sono in grado di condurre campagne e iniziative efficaci per ottenere un cambiamento incrementale, un’organizzazione da sola non è in grado di contrastare rapidamente una spinta narrativa a livello governativo e mediatico e di raggiungere i suddetti obiettivi.

Per ottenere un cambiamento narrativo reale, duraturo e di impatto, più organizzazioni all’interno e tra i settori devono lavorare insieme per smantellare la narrativa attuale. L’effetto di un cambiamento reale richiederà l’allineamento di più voci, storie e piattaforme, per spostare le percezioni che le persone hanno in mano, che plasmano e influenzano i loro valori e le loro decisioni.

Tra l’altro, osservando che molte organizzazioni della società civile hanno bassi indici di operatività, con un numero di dipendenti che può variare da uno a nove a tempo pieno e che molti si affidano a volontari, gli sforzi di collaborazione a livello settoriale possono aiutare loro a creare un ambiente di lavoro più armonioso ed un ambiente più accogliente per le persone di cui si occupano, appartenenti a gruppi minoritari.

IN COSA CONSISTE L’ALLINEAMENTO SETTORIALE?

La collaborazione intersettoriale comprende: il collegamento e la condivisione di informazioni, risorse e capacità all’interno delle organizzazioni e l’adozione congiunta di azioni e movimenti tra organizzazioni che operano all’interno dello stesso settore, per raggiungere insieme un risultato che non potrebbe essere raggiunto altrimenti.

All’interno di questo quadro, l’allineamento consiste nell’assicurare che le azioni intraprese (come sopra elencate), e le decisioni prese con sforzi individuali e collaborativi, sostengano gli obiettivi generali delle organizzazioni e del settore: in questo caso il cambiamento narrativo.

Quindi, l’allineamento settoriale consiste nel collaborare e comunicare in un modo che includa controlli e bilanci, per assicurare che le singole organizzazioni e gli sforzi collettivi vadano verso decisioni che consentano l’adozione di misure che aiutino il settore a muoversi collettivamente verso il cambiamento narrativo previsto. In questo modo “allineamento” è caratterizzato più come un verbo – un’azione che si verifica costantemente, piuttosto che un sostantivo o uno “stato di allineamento”.

Questo tipo di collaborazione è difficile da creare e da sostenere. Progettare e realizzare un’efficace collaborazione intrasettoriale è scoraggiante, ma se l’infrastruttura viene realizzata e l’impegno di ogni organizzazione è presente, i vantaggi possono essere immensi.

FACILITARE L’AZIONE ALLINEATA

Pianificazione e definizione

La collaborazione di settore dovrebbe essere pianificata in primo luogo per garantire l’allineamento di scopi, obiettivi e metodi tra organizzazioni/partner. Dovrebbero essere definiti i parametri dello sforzo collaborativo e dovrebbe essere stabilito un accordo che regoli le azioni rispettive e combinate. Dovrebbero essere elaborati i passi che ogni organizzazione/partner deve intraprendere separatamente e quelli da compiere congiuntamente, e dovrebbero essere definiti i dettagli dell’esecuzione.

Dovrebbero essere valutate anche la misurazione dei risultati ed eventuali dettagli di budget, e il piano dovrebbe essere rivisto con adeguati meccanismi di feedback in atto.

Esecuzione

Gli sforzi congiunti o separati verso l’obiettivo finale (in questo caso il cambiamento narrativo) dovrebbero poi essere eseguiti secondo i piani concordati, con un comitato direttivo messo in atto se si vuole che gli sforzi siano estesi e/o sostenuti, per assicurare che i rischi o i problemi con l’esecuzione possano essere risolti e che si possa cercare una guida quando dovessero sorgere delle sfide nell’esecuzione delle iniziative concordate. Si incoraggia la continuazione delle misurazioni come indicato di seguito per garantire che l’allineamento allo scopo e agli obiettivi sia sostenuto.

Misurazione

L’allineamento può essere misurato in molti modi, ma un metodo suggerito è l’uso di scale. Scale facili da usare possono essere create per ogni obiettivo strategico – in questo caso il cambiamento della narrazione nel suo complesso o i passi sulla via del cambiamento della narrazione (come per esempio la Theory of Change nel progetto Winning the Narrative, accessibile attraverso la relativa sezione del Narrative Lab). Queste scale dovrebbero misurare il contributo al raggiungimento dell’obiettivo che lo sforzo collaborativo porterà. Ad esempio, per il cambiamento narrativo, la scala potrebbe essere simile a questa:

Che differenza farà questo progetto per cambiare la narrazione? OPPURE
Che differenza farà questo progetto per far sì che una parte significativa del “centro incerto” si impegni maggiormente e contribuisca a spostare il discorso verso narrazioni positive e basate su soluzioni? (Parte 3 della Theory of Change nel progetto Winning the Narrative):

0 – Nessun impatto sul cambiamento della narrazione

1 – Piccolo impatto sul cambiamento della narrazione

2 – Moderato impatto positivo sul cambiamento della narrazione

3 – Una vera differenza nel cambiare la narrazione

4 – Una differenza significativa nel cambiare la narrazione

5 – Un cambio di gioco o “must have” nel cambiare la narrazione

Ogni scala dovrà essere costruita in base ai propri obiettivi, ma quanto sopra fornisce un punto di partenza da cui gli interessati possono muoversi. È anche una buona idea far fare il punteggio a un “esperto indipendente”, ove possibile. Se questo non è possibile, si possono sempre avere delle risposte di un esperto per una valutazione ragionevole. Questo aiuterà nella raccolta di dati più coerenti e imparziali.

UN ESEMPIO DI COLLABORAZIONE EFFICACE E ALLINEATA ALL’INTERNO DEL SETTORE – #KIDSOFFNAURU

La detenzione obbligatoria dei richiedenti asilo che arrivano in Australia senza autorizzazione è una misura introdotta nel 1992 che ha suscitato negli anni notevoli polemiche, insieme ai media e alle persistenti illazioni del governo australiano, secondo cui i richiedenti asilo cercano di accedere illegalmente in Australia. Negli ultimi anni l’Australia ha collocato i richiedenti asilo, compresi i bambini, in centri di detenzione per migranti offshore, nelle isole di Nauru e Manus, dove le condizioni sono al di sotto degli standard sanitari.

Molti tra avvocati, attivisti e medici, hanno sempre espresso preoccupazione per questa scelta, per la durata e l’umanità di questa forma di detenzione. Ciò è avvenuto ancor più in particolare per quanto riguarda la detenzione di bambini nei centri australiani di detenzione per immigrati.

Con l’emergenza che ha riguardato casi di bambini e adulti detenuti che richiedevano cure mediche urgenti non accessibili a Nauru, sono stati avviati numerosi contenziosi da parte di studi legali presso la Corte Federale d’Australia. A partire da un’unica causa intentata dal National Justice Project (NJP) nel febbraio 2017, alla fine del 2018 erano state presentate alla Corte federale oltre 50 ingiunzioni da parte di avvocati in tutta l’Australia, tutte fondate sul diritto della responsabilità civile e sul dovere di assistenza del ministro degli Affari interni (Talbot & Newhouse, 2019).

Questo contenzioso ha portato all’evacuazione di centinaia di persone da Nauru e Papua Nuova Guinea verso l’Australia e la successiva collaborazione intra e intersettoriale ha fatto sì che questo approccio si espandesse fino a diventare la campagna di successo #KidsOffNauru. Con l’aumento dell’attenzione dei media, l’Associazione medica australiana e i medici hanno iniziato a far sentire pubblicamente la loro voce sulla questione e l’Asylum Seeker Resource Centre, il Refugee Council of Australia e World Vision Australia hanno poi unito le forze per guidare la campagna #KidsOffNauru, affinché non fosse più possibile la detenzione offshore per i bambini. Dopo un significativo lavoro incrociato e intrasettoriale svolto in collaborazione, gli ultimi bambini hanno lasciato Nauru nel febbraio 2019.

Manifestanti fuori dall’ufficio di Peter Dutton MP, l’allora Ministro degli Affari Interni

Una via d’accesso a un ruolo più importante per i protagonisti non governativi e le organizzazioni della società civile

Il cambiamento narrativo verso un grande sostegno delle organizzazioni della società civile e delle persone di cui difendono i diritti, attraverso un movimento e un’azione di settore allineata e collaborativa, potrebbe avere l’ulteriore vantaggio di costruire una base da cui i protagonisti non governativi potrebbero forgiare un nuovo percorso per essere più attivi nella formazione e nel cambiamento delle politiche, compreso il collegamento con il governo per rompere le barriere e lavorare insieme verso risultati olistici, nonché tra il governo, le imprese e il settore del No Profit per accedere alla gamma di risorse necessarie, o utilizzare le risorse in modo diverso, per generare soluzioni politiche (Barraket 2008; Allen Consulting Group 2006).

Ovviamente questo risultato sarebbe estremamente vantaggioso in quanto verrebbe riconosciuto il valore che le organizzazioni della società civile possono fornire nell’assistenza alla risoluzione dei problemi. Utilizzando le loro conoscenze radicate, la loro esperienza e la loro vicinanza alle popolazioni vulnerabili, si otterrebbero risultati più desiderabili sia per le stesse organizzazioni che per i più emarginati della società, e la società civile e le comunità si sentirebbero più coinvolte nelle decisioni che le riguardano direttamente, piuttosto che doversi “accontentare” di decisioni prese da decisori governativi “lontani”.

Foto di copertina di Charles Deluvio on Unsplash
“Peter Dutton MP” di lovemakesaway è concesso in licenza sotto CC BY-SA 2.0

Fonte: Cild.eu – https://cild.eu/blog/2021/06/23/la-collaborazione-settoriale-allineata-per-il-cambiamento-strutturale/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *