ILVA è morta e i sindacati non se ne sono accorti?

ArcelorMittal deconsolida ILVA dal suo bilancio

Prepariamoci alla svolta green, con i fondi europei, per un futuro che sia di tutti, per i lavoratori ILVA e per chi non lo è. Futuro per tutti. E’ il momento per creare un’alleanza per la transizione ecologica che includa cittadini e lavoratori verso uno sviluppo sostenibile.

29 giugno 2021
Ilva, mission impossible

Forse non è chiaro, ma non arriveranno fondi europei per chi usa il carbone.

Non solo.

Forse non è chiaro. Ma anche i progetti di forno elettrico con DRI (preridotto) a gas non riceveranno aiuti auropei. Quindi addio forni elettrici “puliti” per l’ILVA pagati dall’Europa.

Non solo.

Non solo.

Non solo.

Forse non è chiaro. Ma se il governo si azzardasse a finanziare un’azienda in perdita come ILVA partirebbe subito un esposto alla Corte dei Conti per “sperpero” del denaro pubblico (ossia dei nostri soldi). E di che futuro siderurgico parliamo per l’ILVA di Taranto? Acciaierie d’Italia nasceva già con varie criticità che ne oscuravano il futuro. Questa cosa l’avevamo già scritta.

Non solo.

Forse non è chiaro. Ma ILVA è già morta e Acciaierie d’Italia ne sta dando l’estrema unzione. I sindacati, chiamati al capezzale, sembrano non accorgersene.

Prepariamoci alla svolta green, con i fondi europei, per un futuro che sia di tutti, per i lavoratori ILVA e per chi non lo è. Futuro per tutti.

Note: ArcelorMittal non vuole più subire perdite e sgancia la sua “controllata” italiana (ArcelorMittal Italia) dal gruppo multinazionale, “deconsolidando” il bilancio di Acciaierie d’Italia, ossia facendolo uscire dal bilancio consolidato della multinazionale ArcelorMittal in virtù dell’ingresso dello Stato con una percentuale sufficiente a consentire l’operazione di deconsolidamento.

Articoli correlati

  • "Ci batteremo ancora"

    Taranto Sociale

    Taranto, conferenza stampa

    “Ci batteremo ancora”

    Il Comitato cittadino per la salute e l’ambiente, ieri mattina in piazza della Vittoria, dopo aver esaminato la sentenza emessa dai giudici amministrativi di secondo grado, ha ribattuto così alla sua interpretazione divulgata nelle scorse ore.

    26 giugno 2021 – Paola Casella

  • Un'iniziativa di tutela multilivello per la popolazione esposta all'inquinamento ILVA

    Taranto Sociale

    Conferenza del 25 giugno 2021 promossa dal Comitato Cittadino per la Salute e l’Ambiente a Taranto

    Un’iniziativa di tutela multilivello per la popolazione esposta all’inquinamento ILVA

    Il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa chiedeva nel marzo scorso a Roma di fornire “informazioni aggiornate sull’impatto delle attività dell’acciaieria sull’ambiente e la salute della popolazione locale”.

    25 giugno 2021 – Comitato Cittadino per la Salute e l’Ambiente a Taranto

  • Continueremo a batterci per tutela della salute

    Taranto Sociale

    La Sentenza del Consiglio di Stato

    Continueremo a batterci per tutela della salute

    In qualità di delegato Co.Ce.R. non posso che confermare la preoccupazione dei circa 10.000 marinai tarantini, diversi dei quali hanno visto malati in famiglia con molta probabilità a causa dell’inquinamento

    24 giugno 2021 – Antonello Ciavarelli

  • Il Consiglio di Stato consente la prosecuzione di un rischio sanitario inaccettabile

    Taranto Sociale

    Disco verde per Ilva in amministrazione straordinaria e ArcelorMittal

    Il Consiglio di Stato consente la prosecuzione di un rischio sanitario inaccettabile

    Questa sentenza aumenta la nostra determinazione nel condurre con ancora più vigore la lotta per la tutela dei diritti inalienabili dei cittadini esposti ad un rischio sanitario inaccettabile. Tale rischio sanitario inaccettabile è attestato dalla nuova valutazione danno sanitario (VDS)

    23 giugno 2021 – Comitato cittadino per la salute e l’ambiente a Taranto

Fonte: www.peacelink.it – https://www.peacelink.it/editoriale/a/48566.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *