Le fioriere anti-uomo

Grandi Stazioni ci manda un messaggio inequivocabile e ce lo manda con delle fioriere di gusto discutibile e non poco indiscrete: non ama che esistano i senzatetto o meglio non ama che i senzatetto si vedano o, meglio ancora, non ama che i senzatetto si vedano all’ingresso delle sue proprietà.

Ma vogliamo rassicurare Grandi Stazioni che anche i senzatetto non amano essere tali e che Baobab Experience stessa non ama che donne, uomini e bambini in transito, titolari di protezione internazionale e richiedenti asilo siano costretti a giacere sulla pavimentazione esterna a una Stazione ferroviaria.

Puntualizziamo giusto per non confondere decoro urbano, rispetto della proprietà privata e indecenza amministrativa.

Perché, magari, invece di pensare di sostituire esseri umani con fioriere anti-uomo (le chiamano anti-bivacco) ci saremmo aspettati che una Azienda come Grandi Stazioni accogliesse una delle tante proposte di discussione avanzate dalla nostra Associazione e che valutasse l’opportunità di mettersi dalla parte degli ultimi, facendo pressione, assieme a noi, affinché il Comune e le istituzioni competenti si assumano una qualche responsabilità nei confronti delle fragilità in transito e ottemperino al dovere di assicurare accoglienza ai titolari di protezione e ai richiedenti asilo.

Ma se la percezione è quella di avere a che fare con spazzatura da allontanare, c’è poco su cui dialogare.

Grazie dei fiori, grazie.

Piazzale Spadolini, 13 luglio 2021

Fonte: Baobab Experience – https://baobabexperience.org/2021/07/13/le-fioriere-anti-uomo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.