Bosnia Erzegovina: i fondi ci sono ma il sistema di accoglienza per i migranti non esiste

Bosnia ed Erzegovina, la mancata accoglienza – Dall’emergenza artificiale ai campi di confinamento finanziati dall’Unione europea” è l’ultimo rapporto curato dalla Rete Rivolti Ai Balcani. «Dalla primavera del 2018, a due anni dalla “dichiarazione” Unione europea-Turchia, con la chiusura di ogni canale d’ingresso legale nell’Ue, con l’aumento dei respingimenti e della violenza da parte delle autorità croate e con il totale fallimento del sistema delle liste d’attesa per accedere in Ungheria dai campi finanziati dalla stessa Unione situati in Serbia, la Bosnia ed Erzegovina (Bih) è diventata il nuovo crocevia per entrare in Ue da parte dei rifugiati provenienti dalle aree di conflitto e di elevata instabilità politica del Medio Oriente ed in particolare da Afghanistan, Siria, Iraq e Pakistan», si legge nel rapporto. «Se inizialmente Sarajevo ha costituito la prima tappa di questo percorso, con centinaia di persone che dormivano in centro città in attesa di proseguire il viaggio, sono state Bihać e Velika Kladuša, due cittadine del Cantone Una-Sana a ridosso del confine con l’Unione Europea, nella parte Nord-occidentale del Paese, a diventare il centro nevralgico di questa nuova rotta, costituendo la base da cui partire per tentare di penetrare in territorio croato e di percorrere a piedi i circa 240 chilometri fino al confine italiano o austriaco, per poi eventualmente proseguire verso altri Paesi».

Ma «quello che si sta verificando negli ultimi anni in Bosnia non è un’emergenza», dice Gianfranco Schiavone, del direttivodell’Asgi, associazione Studi Giuridici sull’immigrazione, che ha contribuito alla stesura del rapporto. «Dal 2018 il numero di persone arrivate nel Paese è aumentato, ma la situazione non è mai divenuta realmente non gestibile se guardiamo i dati oggettivi dei flussi». Eppure dal 2018 all’ottobre 2019, gli aiuti attribuiti alla BiH per far fronte alla situazione dei migranti sono stati pari a 5,8 milioni di euro. A questi si sono aggiunti 4,5 milioni nell’aprile del 2020 e 3,5 milioni a gennaio 2021, per un totale di 13,8 milioni. Oltre a questi importi, stanziati attraverso uno specifico meccanismo per le emergenze, nel periodo 2018-2021 l’Unione europea ha assegnato alla Bosnia ed Erzegovina altri fondi per la gestione delle migrazioni, l’implementazione del sistema d’asilo e di accoglienza nonché la gestione delle frontiere per complessivi 88 milioni di euro. Ai fondi dell’Unione europea si sono poi aggiunti quelli di altre istituzioni o governi nazionali.

«I numeri complessivi delle presenze in Bosnia sono bassi, parliamo di poche migliaia di persone. L’emergenza quindi non c’è mai stata e niente può giustificare il degrado in cui stanno vivendo le persone negli ultimi anni: dai campi profughi inadeguati agli accampamenti negli squat, fabbriche e case abbandonate», dice Schiavone. «I rifugiati, i migranti, qui vivono in condizioni di abbandono. L’abbandono però non è dovuto alla mancanza di risorse da investire in piani di accoglienza, ma a una precisa scelta politica che lascia le persone in queste condizioni senza dignità e lo fa con due obiettivi precisi: il primo scoraggiare i migranti ad arrivare e il secondo diffondere nell’opinione pubblica europea l’idea di un’invasione, di una situazione difficile da gestire. Come ha speso la Bosnia i fondi ricevuti? Non nella creazione di un sistema effettivo di accoglienza e protezione dei rifugiati».

Nelle intenzioni delle persone richiedenti asilo, i Paesi dei Balcani occidentali sono esclusivamente luoghi di transito, una tappa di passaggio per arrivare in Europa centrale, dove raggiungere parenti, reti amicali e comunità già radicate o dove auspicare di avere maggiori possibilità di ottenere protezione, ricostruirsi una nuova vita e inserirsi sul piano sociale e lavorativo. Questa realtà viene confermata anche dai dati forniti dall’Unhcr, secondo cui nei cinque Stati dei Balcani occidentali (Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Macedonia del Nord, Montenegro e Serbia) si registra un numero relativamente elevato di migranti che manifestano l’intenzione di chiedere asilo ma successivamente l’effettiva formalizzazione della domanda riguarda pochissimi casi e infine pressoché tutti abbandonano la procedura, tanto che l’esame delle richieste viene condotto su un numero minimo di casi. In particolare in Bosnia ed Erzegovina, nel 2020, su 14.432 manifestazioni di volontà di chiedere protezione, i procedimenti effettivamente avviati sono stati solo 244 (pari all’1,7% del totale. A marzo 2021 le domande pendenti risultano essere 237 di cui 109 presentate da persone appartenenti a nuclei familiari).

Fonte: Vita.it – http://www.vita.it/it/article/2021/07/20/bosnia-erzegovina-i-fondi-ci-sono-ma-il-sistema-di-accoglienza-per-i-m/160064/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *