RAPPORTO DI MISSIONE – Rotazione 14: 555 persone soccorse nel Mediterraneo centrale
  • · 11 agosto 2021: si è concluso lo sbarco dei 549 sopravvissuti soccorsi dalla Ocean Viking. Le operazioni sono durate 4 giorni. Le persone soccorse hanno trascorso fino a 12 giorni sulla nostra nave. L’equipaggio a bordo inizierà domani una quarantena di 10 giorni.
  • · 10 agosto 2021: Volge al termine il terzo giorno di sbarco delle persone soccorse il 31 luglio e il 1° agosto. 56 persone trascorreranno una notte in più a bordo della Ocean Viking, ormeggiata nel porto di Pozzallo, in Sicilia.
  • · 10 agosto 2021: Inizio del terzo giorno di sbarco a Pozzallo, in Sicilia, per i sopravvissuti a bordo della Ocean Viking. Nella mattinata, a bordo c’erano ancora 255 delle persone soccorse nel Mediterraneo dieci giorni prima.
  • · 9 agosto 2021: lo sbarco è cessato a fine giornata a Pozzallo, in Sicilia. Durante la giornata, hanno lasciato l’Ocean Viking 197 persone, tra cui le famiglie e i minori. 255 persone sono ancora a bordo.
  • · 9 agosto 2021: nella mattinata, 88 sopravvissuti sono sbarcati dall’Ocean Viking. 364 persone attendono ancora a bordo. I sopravvissuti sono completamente esausti Lo sbarco viene sospeso e riprenderà nel tardo pomeriggio.
  • · 9 agosto 2021: è ripreso a Pozzallo, in Sicilia, lo sbarco delle persone soccorse dalla Ocean Viking. Nella mattinata, 452 sopravvissuti erano ancora a bordo. I primi a sbarcare sono i minori non accompagnati e le famiglie ancora a bordo.
  • · 8 agosto 2021: dalla Ocean Viking sono sbarcate solo 97 sopravvissuti, minori non accompagnati e persone in condizioni di salute critiche. A bordo restano 452 uomini, donne e bambini.
  • · 8 agosto 2021: la Ocean Viking ha attraccato nel porto di Pozzallo, in Sicilia. In giornata è iniziato lo sbarco dei sopravvissuti.
  • · 7 agosto 2021: Sollievo per 549 sopravvissuti a bordo della Ocean Viking: lo sbarco avverrà a Pozzallo, in Sicilia.
  • · 7 agosto 2021: Rebecca, ostetrica a bordo della Ocean Viking, riferisce lo stato fisico e mentale dei sopravvissuti a bordo.
  • · 7 agosto 2021: L’Ocean Viking non ha ancora ricevuto alcuna indicazione riguardante lo sbarco. Il team medico nota sempre più segni di disagio psicologico. Il giorno prima, una persona è svenuta per la stanchezza. Anche i farmaci iniziano a scarseggiare.
  • · 6 agosto 2021: Si è resa necessaria una terza evacuazione medica di un quarto paziente a bordo della Ocean Viking, mentre non è stato ancora assegnato un porto sicuro per sbarcare i 549 sopravvissuti. Il paziente è stato evacuato dalla guardia costiera italiana.
  • · 6 agosto 2021: Dopo una notte difficile a causa del mare grosso e del mal di mare tra i sopravvissuti, l’Ocean Viking non ha ancora ricevuto alcuna indicazione su dove e quando sbarcare.

Lo stato di salute dei sopravvissuti a bordo peggiora di ora in ora: aumento delle ferite infette, dolori fisici generalizzati, spossatezza, mal di testa. Il mal di mare comporta perdita di liquidi e inappetenza.

Tutte le donne incinte si indeboliscono ogni giorno di più. Quasi tutti i bambini accusano dolori addominali, vomito, perdita di appetito. Tutti i sopravvissuti devono urgentemente sbarcare in un porto sicuro.

  • · 5 agosto 2021: Urge lo sbarco dei 550 sopravvissuti in un porto sicuro. La situazione sul ponte continua a peggiorare. Con il mare molto mosso, temiamo per la salute delle persone soccorse 5 giorni fa. L’Ocean Viking e la Sea Watch 3, della ONG tedesca Sea Watch, hanno ora bisogno di un porto sicuro.
  • · 5 agosto 2021: Siamo ancora in attesa di istruzioni per lo sbarco. Due donne sono appena state evacuate dall’Ocean Viking per motivi di salute. Una di loro è stata evacuata insieme al suo bambino di 8 anni. I tre sono stati trasferiti su una nave della Guardia Costiera italiana che li porterà a Lampedusa.
  • · 5 agosto 2021: Il caldo intenso e la mancanza di spazio a bordo della Ocean Viking aumentano le tensioni e il disagio psicologico tra i sopravvissuti. Molti bambini lamentano dolori di stomaco, mal di testa, spossatezza e perdita di appetito. I sopravvissuti devono urgentemente sbarcare al più presto.
  • · 5 agosto 2021: Situazione insostenibile per i 553 sopravvissuti e per l’equipaggio a bordo della Ocean Viking. SOS MEDITERRANEE chiede alle autorità marittime l’assegnazione di un porto sicuro senza ulteriori ritardi e agli Stati membri dell’UE di riattivare un meccanismo di sbarco a sostegno degli Stati costieri.
  • · 4 agosto 2021: la Ocean Viking viene lasciata senza istruzioni per lo sbarco dei 553 sopravvissuti in un porto sicuro. Julia, membro dell’equipaggio di SOS MEDITERRANEE a bordo, riferisce i salvataggi dello scorso fine settimana, la persistente mancanza di coordinamento da parte delle autorità marittime e l’urgenza dello sbarco.
  • · 3 agosto 2021: nel pomeriggio il nostro team/equipaggio ha richiesto l’evacuazione medica urgente di una donna incinta. Quest’ultima e il suo compagno sono stati trasferiti su una nave della Guardia Costiera italiana. L’Ocean Viking deve necessariamente sbarcare al più presto in luogo sicuro i 553 sopravvissuti, vittime del caldo estremo sul ponte.
  • · 2 agosto 2021: durante la giornata “centinaia di persone in difficoltà sono state segnalate nel Mediterraneo centrale”, spiega Luisa Albera, coordinatrice di ricerca e soccorso a bordo della Ocean Viking. L’ONG tedesca Sea Watch ha riferito di aver inviato durante la giornata Maydays relativi ad almeno tre imbarcazioni in difficoltà. Sono stati segnalati diversi altri gommoni ritenuti in pericolo imminente.

Gli Stati costieri non possono essere lasciati soli a soccorrere coloro che rischiano di morire nel Mediterraneo. La solidarietà europea è indispensabile.

  • · 2 agosto 2021: Con l’aumento delle onde e il caldo soffocante, le condizioni fisiche delle persone a bordo peggiorano: “Molti soffrono di mal di mare. Alcuni di loro sono svenuti sul nostro ponte a causa del caldo e del calvario che hanno attraversato “, spiega Francisca, leader del team medico a bordo. “Alcuni sono rimasti feriti durante la traversata, molti lamentano dolori fisici. Continuiamo a valutare, curare e monitorare i pazienti, ma tutti i sopravvissuti devono essere portati in un porto sicuro il prima possibile”.
    La Ocean Viking ha richiesto un luogo di sbarco sicuro a tutte le autorità marittime competenti.
  • · 1° agosto 2021: nel pomeriggio le nostre squadre hanno effettuato una sesta operazione di salvataggio e hanno assistito 106 persone in difficoltà. Il più giovane sopravvissuto di questa operazione ha solo tre mesi.
  • · 1° agosto 2021: la Ocean Viking ha preso a bordo 253 sopravvissuti durante questa quinta operazione di salvataggio. Per tutta la notte fino alle prime ore del mattino, insieme alle ONG tedesche Sea-Watch e RESQship, l’equipaggio di Ocean Viking ha partecipato a una difficile operazione di soccorso di circa 400 persone da una grande barca di legno che stava imbarcando acqua.
  • · 31 luglio 2021: quarto soccorso della giornata: 21 persone vengono soccorse e messe in salvo a bordo della nostra nave.
  • · 31 luglio: nel pomeriggio, l’equipaggio a bordo della Ocean Viking ha effettuato due soccorsi in acque internazionali nella zona di ricerca e soccorso libica. Hanno così salvato 54 persone, e in seguito altre 64 persone.
  • · 31 luglio 2021: l’equipaggio a bordo della Ocean Viking ha effettuato in mattinata una prima operazione di salvataggio. 57 persone sono state soccorse.
  • · 30 luglio 2021: l’equipaggio a bordo della Ocean Viking ha cercato per diverse ore un’imbarcazione in difficoltà nell’area di ricerca e soccorso libica. Nella zona erano presenti navi della Guardia costiera libica. La sera e durante il pattugliamento, la Ocean Viking ha incrociato una di queste navi con a bordo dei sopravvissuti. Desumiamo che altri uomini, donne e bambini siano stati oggi riportati illegalmente in Libia, tornando così a un orribile ciclo di abusi e di detenzioni arbitrarie.
  • · 24 luglio 2021: l’equipaggio a bordo della Ocean Viking ha condotto esercitazioni in mare dopo aver lasciato la Sicilia ad inizio giornata.

Fonte: Sos Mediterranee – https://sosmediterranee.it/rapporto-di-missione-rotazione-14-555-persone-soccorse-nel-mediterraneo-centrale/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *