Condannato a 17 anni in primo grado è candidato alle elezioni comunali come capolista del PD

Nel processo “Ambiente Svenduto” sull’inquinamento ILVA

Trecento cittadine e cittadini scrivono a Enrico Letta perché prenda una posizione: “Abbiamo appreso dalla stampa che una delle persone condannata in primo grado a 17 anni viene adesso candidata per il PD in elezioni comunali che si svolgeranno in provincia di Taranto”.

12 settembre 2021

Redazione PeaceLink

Al segretario nazionale del PD Enrico Letta

Oggetto: richiesta di una presa di posizione pubblica su un candidato già condannato in primo grado a 17 anni di reclusione per l’inquinamento ILVA di Taranto

Gentile Enrico Letta,

Altoforno
siamo cittadine e cittadini che seguono con particolare attenzione la pesante situazione sanitaria a Taranto e l’inquinamento dello stabilimento ILVA di Taranto.

Nel maggio scorso si è concluso il primo grado del processo Ambiente Svenduto con condanne durissime. Il processo è relativo ai reati di disastro ambientale, avvelenamento di sostanze alimentari e omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro contestati alla gestione Ilva da parte del gruppo Riva. A Taranto è stato riscontrato un significativo eccesso di mortalità attribuito dai periti del Tribunale alle emissioni degli impianti ILVA.

Abbiamo appreso dalla stampa che una delle persone condannata in primo grado a 17 anni viene adesso candidata per il PD in elezioni comunali che si svolgeranno in provincia di Taranto.

La notizia è apparsa sui seguenti organi di stampa:
Enrico Letta

Quotidiano di Puglia (8 settembre 2021)

Il Fatto Quotidiano

Il Tempo

Affari Italiani

Cosmopolis Media

Quotidiano del Sud

Corriere dell’Umbria

Le scriviamo per sapere se quanto riportato a lei risulta e se ritiene di esprimere pubblicamente, come segretario nazionale del PD, una posizione in merito a questa vicenda.

La ringraziamo per l’attenzione e confidiamo in una sua risposta

Alessandro Marescotti e altre trecento firme

Fonte: Peacelink.it – https://www.peacelink.it/ecologia/a/48756.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *