Il cambiamento climatico costringerà 216 milioni di persone a migrare

L’aggiornamento del report Groundswell rivela che potrebbero esserci 216 milioni di migranti climatici entro il 2050 se non si interviene subito.


Migranti-ambientali

L’aggiornamento pubblicato oggi del rapporto Groundswell della Banca Mondiale rileva che il cambiamento climatico, un fattore di migrazione sempre più potente, potrebbe costringere 216 milioni di persone in sei regioni del mondo a spostarsi all’interno dei loro paesi entro il 2050. Le zone calde della migrazione climatica interna potrebbero emergere già nel 2030 e continuare diffondersi e intensificarsi entro il 2050. Il rapporto rileva inoltre che un’azione immediata e concertata per ridurre le emissioni globali e sostenere uno sviluppo verde, inclusivo e resiliente potrebbe ridurre la scala della migrazione climatica fino all’80%.

Il cambiamento climatico è un potente motore della migrazione interna a causa dei suoi impatti sui mezzi di sussistenza delle persone e sulla perdita di vivibilità in luoghi altamente esposti. Entro il 2050, l’Africa subsahariana potrebbe vedere fino a 86 milioni di migranti climatici interni; Asia orientale e Pacifico, 49 milioni; Asia meridionale, 40 milioni; Nord Africa, 19 milioni; America Latina, 17 milioni; e l’Europa orientale e l’Asia centrale, 5 milioni.

“Il rapporto Groundswell è un duro promemoria del bilancio umano del cambiamento climatico, in particolare per i più poveri del mondo, coloro che stanno contribuendo meno alle sue cause. Inoltre, traccia chiaramente un percorso per i paesi per affrontare alcuni dei fattori chiave che stanno causando la migrazione guidata dal clima”, ha affermato Juergen Voegele, vicepresidente dello sviluppo sostenibile, Banca mondiale. “Tutti questi problemi sono fondamentalmente collegati, motivo per cui il nostro sostegno ai paesi è posizionato per raggiungere insieme gli obiettivi climatici e di sviluppo, costruendo un futuro più sostenibile, sicuro e resiliente”.

Il rapporto aggiornato include proiezioni e analisi per tre regioni: Asia orientale e Pacifico, Nord Africa, Europa orientale e Asia centrale. Si basa sull’approccio di modellazione nuovo e pionieristico del precedente rapporto Groundswell della Banca mondiale del 2018, che copriva l’Africa sub-sahariana, l’Asia meridionale e l’America latina.

Implementando un approccio basato su scenari, il rapporto esplora i potenziali risultati futuri, che possono aiutare i decision-makers a pianificare in anticipo. L’approccio consente di identificare gli hotspot climatici interni di partenza e di arrivo, ovvero le aree da cui si prevede che le persone si spostino a causa dell’aumento della scarsità d’acqua, del calo della produttività delle colture e dell’innalzamento del livello del mare, e le aree urbane e rurali con una migliore condizione per costruire nuovi mezzi di sussistenza.

Il rapporto fornisce una serie di raccomandazioni politiche che possono aiutare a rallentare i fattori che guidano la migrazione climatica e prepararsi ai flussi migratori previsti, tra cui:

Ridurre le emissioni globali e compiere ogni sforzo per raggiungere gli obiettivi sulle temperature dell’Accordo di Parigi.
– Incorporare la migrazione climatica interna in una pianificazione lungimirante dello sviluppo verde, resiliente e inclusiva.
– Prepararsi per ogni fase della migrazione, in modo che la migrazione climatica interna come strategia di adattamento possa portare a risultati di sviluppo positivi.
– Investire in una migliore comprensione dei fattori trainanti della migrazione climatica interna per creare politiche mirate.

Press Release World Bank
13 settembre 2021

Fonte: Perlapace.it – http://www.perlapace.it/cambiamento-climatico-costringera-216-milioni-persone-migrare/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *