Potere al Popolo: gli operai Gkn incontrano gli europarlamentari

Insieme ad alcuni operai del Collettivo di fabbrica della GKN, Potere al Popolo! ha incontrato un gruppo di parlamentari europei, membri del GUE (Gruppo della Sinistra Europea), per parlare della chiusura del sito di Campi Bisenzio (Firenze) e dei 500 licenziamenti, decisione comunicata lo scorso 9 luglio dal fondo di investimento britannico Melrose, proprietario della GKN.

La chiusura dell’impianto di Firenze non riguarda solo il territorio toscano o italiano; è, al contrario, di rilevanza europea.

Dopo l’acquisto nel 2018 di GKN da parte della Melrose, sono stati annunciati 170 licenziamenti a Kings Norton (Birmingham, UK), 540 a Offenbach in Germania, 520 a Erdington (Birmingham), e ora 500 a Campi Bisenzio.

Questi licenziamenti sono una diretta conseguenza delle politiche di libero mercato e dumping sociale promosse dall’Unione europea.

Contro la volontà delle multinazionali dell’automotive di lucrare tagliando diritti e salari e delocalizzando la produzione, è emersa la necessità di organizzarsi a livello internazionale.

Il rischio da scongiurare, infatti, è che le multinazionali pianifichino a livello sovranazionale una transizione ecologica che diventi solo un affare per le grandi imprese e un massacro sociale per i popoli del continente.

Il confronto con gli eurodeputati ha permesso di fare un passo in avanti in questa direzione.

Non ci si è limitati a una solidarietà a parole.

Per mostrare vicinanza e offire risonanza internazionale a questa battaglia, gli eurodeputati del GUE si stanno organizzando per portare la loro solidarietà ai lavoratori della GKN di Firenze dai lavoratori e fare pressione sul governo italiano che ha il potere di intervenire ma non lo sta usando.

Inoltre, si stanno già attivando all’interno delle istituzioni europee per denunciare l’atteggiamento dell’azienda. L’eurodeputato belga Marc Botenga, membro del PTB, ha infatti sottoposto un’interrogazione alla Commissione europea sul tema dei finanziamenti pubblici, anche europei, di cui ha goduto in questi anni la GKN, evidenziando così che non si può permettere che le aziende prendano soldi pubblici e paghino dividendi agli azionisti per poi chiudere e licenziare.

“La disponibilità dei parlamentari europei è assolutamente centrale” – spiega Giuliano Granato, portavoce nazionale di Potere al Popolo!, presente alla riunione online.

E aggiunge: “Rimanere sul terreno nazionale è come giocare per 90 minuti nella propria area di rigore mentre l’avversario può far girare la palla a tutto campo: vincere diventa impossibile.

L’impegno degli eurodeputati è perciò fondamentale, non solo come forma di sostegno ai lavoratori, ma anche come strumento di pressione sul governo e sulle istituzioni italiane, nonché sulla Melrose, affinché vengano immediatamente fermati i piani della multinazionale e restituita speranza e futuro a 500 famiglie e a un’intera comunità”.

Contatti: Lorenzo Alba 3405938661

Fonte: Potere al popolo – https://poterealpopolo.org/potere-al-popolo-gkn-europarlamentari/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=potere-al-popolo-gkn-europarlamentari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *