I migranti ambientali, l’altra faccia della crisi climatica

Entro il 2050 tra i 25 milioni e il miliardo di persone potrebbero essere costrette a spostarsi a causa dei cambiamenti climatici. Stress ambientali e conflitti sono causa o concausa della fuga per circa il 70% dei migranti giunti in Italia negli ultimi 4 anni. Da Legambiente.it.

Il dossier di Legambiente restituisce anche un quadro dei flussi migratori in Italia correlati direttamente o indirettamente alla crisi climatica.

I migranti ambientali. L’altra faccia della crisi climatica
>> scarica il dossier 

I cambiamenti climatici non sono – e non saranno – uguali per tutti nonostante le modificazioni già in atto nell’atmosfera che, senza un’inversione di rotta, porteranno a scenari globali sempre più drammatici. È una questione dipendente dalla complessità di variabili ambientali e sociali che si intrecciano in maniera inestricabile provocando trasformazioni radicali, in un ricorrente rapporto causa-effetto: dall’innalzamento delle temperature e dalla perdita e la dissoluzione dei servizi ecosistemici, all’impoverimento dei suoli e all’accaparramento delle risorse, fino ai conflitti, alle prevaricazioni sociali e alle persecuzioni politiche, etniche e religiose etc.

Una partita complessa ma con un’unica costante: sono sempre i Paesi poveri e i poveri dei Paesi ricchi a pagare il prezzo più alto e a rischiare di più, ora uniti in questa relazione che affonda le radici nelle disuguaglianze delle società umane e nelle nuove disuguaglianze che si affacciano giorno dopo giorno, ora con un moto accelerato anche a causa della pandemia globale dovuta al Covid-19.

Read more

Fonte: Sbilanciamoci.info – https://sbilanciamoci.info/i-migranti-ambientali-laltra-faccia-della-crisi-climatica/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=i-migranti-ambientali-laltra-faccia-della-crisi-climatica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *