IL PENTAGONO VEDE UN “POTENZIALE AUMENTATO” PER IL CONFLITTO NUCLEARE

La possibilità che le armi nucleari possano essere usate in conflitti regionali o globali sta crescendo, ha detto una pubblicazione dottrinale del Pentagono sul combattimento nucleare che è stata aggiornata l’anno scorso.

“Nonostante gli sforzi concertati degli Stati Uniti per ridurre il ruolo delle armi nucleari negli affari internazionali e per negoziare riduzioni del numero di armi nucleari, dal 2010 nessun potenziale avversario ha ridotto né il ruolo delle armi nucleari nella sua strategia di sicurezza nazionale né il numero di armi nucleari che schiera. Piuttosto, si sono mossi decisamente nella direzione opposta”, dice il documento del Dipartimento della Difesa.

“Come risultato, c’è un aumento del potenziale di conflitti regionali che coinvolgono avversari armati di armi nucleari in diverse parti del mondo e il potenziale di escalation nucleare avversaria in crisi o conflitto”.

La pubblicazione presenta una panoramica della strategia nucleare degli Stati Uniti, della struttura delle forze, degli obiettivi e delle operazioni. Vedi Joint Nuclear Operations, JP 3-72, aprile 2020.

Il documento sostituisce un’edizione del 2019 intitolata Nuclear Operations che è stata brevemente divulgata e poi ritirata da un sito web del DoD. (Vedi “DoD Doctrine on Nuclear Operations Published, Taken Offline”, Secrecy News, 19 giugno 2019).

L’attuale documento non include più alcuni dei linguaggi più senza filtri ed entusiastici sul raggiungimento di “risultati decisivi” attraverso attacchi nucleari e “prevalere[i] nel conflitto” che apparivano nella versione del 2019. La dichiarazione che “Il presidente autorizza l’uso delle armi nucleari” è stata cambiata in una dichiarazione più contenuta che “Solo il presidente può autorizzare l’uso delle armi nucleari”.

Nel frattempo, è stato aggiunto nuovo materiale, compresa una valutazione che la minaccia da parte di potenziali avversari è cresciuta anche se la postura nucleare degli Stati Uniti si dice sia stata moderata:

“Mentre gli Stati Uniti hanno continuato a ridurre il numero e la rilevanza delle armi nucleari, altri, tra cui Russia e Cina, si sono mossi nella direzione opposta. Hanno aggiunto nuovi tipi di capacità nucleari al loro arsenale, aumentato la rilevanza delle forze nucleari nelle loro strategie e piani, e si sono impegnati in un comportamento sempre più aggressivo”.

“La modernizzazione nucleare strategica della Russia ha aumentato, e continuerà ad aumentare, la sua capacità di consegna delle testate, che fornisce alla Russia la capacità di espandere rapidamente il suo numero di testate.

“La Cina continua ad aumentare il numero, le capacità e la protezione delle sue forze nucleari.

“La Corea del Nord continua a perseguire la capacità di produrre armi nucleari e rappresenta la più immediata e terribile minaccia di proliferazione per la sicurezza e la stabilità internazionale.

“Lo sviluppo da parte dell’Iran di capacità missilistiche balistiche sempre più a lungo raggio, e la sua strategia aggressiva e le sue attività per destabilizzare i governi vicini, sollevano dubbi sul suo impegno a lungo termine a rinunciare alla capacità di armi nucleari”.

Data la minaccia crescente, il DoD ha detto: “Le opzioni di risposta nucleare flessibili e limitate degli Stati Uniti possono giocare un ruolo importante nel ripristinare la deterrenza dopo una limitata escalation nucleare avversaria”.

Il documento aggiornato dà maggiore attenzione al ruolo dell’intelligence in un potenziale conflitto nucleare, compresa “la conoscenza delle percezioni di un decisore avversario sui benefici, i costi e le conseguenze della moderazione” e “le informazioni sulle risorse, le capacità e le vulnerabilità avversarie”. L’intelligence è necessaria anche per le valutazioni dei danni post-strike.

La messaggistica strategica è la chiave per scoraggiare il conflitto, ha detto il DoD, anche se questo sembra spesso coinvolgere la minaccia della forza. “La capacità di comunicare l’intento degli Stati Uniti, la determinazione e le capacità militari associate in modi che siano compresi dai decisori avversari è vitale. I mezzi militari diretti includono: presenza in avanti, proiezione di forza, difesa attiva e passiva, comunicazioni/messaggi strategici e forze nucleari”.

Il DoD afferma che il suo sistema di comando e controllo nucleare è “pronto, affidabile ed efficace nel soddisfare i requisiti di deterrenza strategica di oggi. Non ci sono lacune o giunture che gli avversari potrebbero sfruttare”. Forse è così.

“Forse la più grande sfida che affronta la forza congiunta in un conflitto nucleare è come operare in un ambiente radiologico post-NUDET [detonazione nucleare]”, ha detto il DoD. “Per progettazione, le armi nucleari sono altamente distruttive e hanno effetti dannosi che le armi convenzionali non hanno. I comandanti devono pianificare e implementare misure protettive per mitigare questi effetti e continuare le operazioni”.

Joint Nuclear Operations non è disponibile nella biblioteca pubblica online del DoD di Joint Publications. Ma una copia del documento di aprile 2020 è stata rilasciata alla Federation of American Scientists la scorsa settimana sotto la legge sulla libertà di informazione.


L’amministrazione Biden ha adottato un tono un po’ conciliante riguardo alla politica delle armi nucleari nella sua Guida strategica di sicurezza nazionale provvisoria del marzo 2021:

“Mentre ci impegniamo nuovamente nel sistema internazionale, affronteremo la minaccia esistenziale posta dalle armi nucleari. Fermeremo costose corse agli armamenti e ristabiliremo la nostra credibilità come leader nel controllo degli armamenti. Ecco perché ci siamo mossi rapidamente per estendere il trattato New START con la Russia. Dove possibile, perseguiremo anche nuovi accordi per il controllo degli armamenti. Faremo dei passi per ridurre il ruolo delle armi nucleari nella nostra strategia di sicurezza nazionale, assicurando allo stesso tempo che il nostro deterrente strategico rimanga sicuro, protetto ed efficace e che i nostri impegni di deterrenza estesa verso i nostri alleati rimangano forti e credibili”.

Ma anche alcuni semplici cambiamenti rispetto alla pratica passata devono ancora essere realizzati. Per ora, almeno, l’amministrazione Biden sta ancora aderendo alla politica di Trump di classificare le dimensioni delle scorte nucleari degli Stati Uniti, piuttosto che seguire la politica di Obama di rivelarle.

Steven Aftergood

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

Fonte: Pax Christi – https://www.paxchristi.it/?p=18550

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *