No alla manifestazione di CasaPound il 28 maggio a Roma. Lettera aperta al Prefetto

Egr. Prefetto di Roma – dr. Matteo Piantedosi

p.c. Egr. Questore di Roma – dr. Mario Della Cioppa

p.c. Egr. Procuratore Generale di Roma – dr. Francesco Lo Voi

p.c. Egr. Sindaco di Roma – dr. Roberto Gualtieri

Egregio Signor Prefetto,

ci rivolgiamo all’Alta Sua funzione a nome delle sottoscritte associazioni partigiane, dei familiari dei Caduti di Piazza della Loggia, delle Famiglie Italiane Martiri, degli ex deportati nei campi di sterminio nazisti, degli internati militari nei campi di concentramento, dei perseguitati politici italiani antifascisti, dei partiti democratici, dei movimenti, dei sindacati dei lavoratori, delle organizzazioni studentesche che sottoscrivono la presente contro l’annunciato corteo nazionale di Casapound per il prossimo 28 maggio 2022. Il 28 maggio 1974 a Brescia nella centrale piazza della Loggia, era in corso una manifestazione contro il terrorismo neofascista organizzata dal Comitato Unitario Permanente Antifascista (CUPA) e dalle OO.SS. quando fu fatto esplodere un ordigno che causò la morte di otto persone, tra i 25 e i 69 anni ed il ferimento di oltre cento altre. La magistratura ha ormai accertato la natura neofascista della strage e la sua mano veneta.

Il 28 maggio 1980 vengono inoltre uccisi: a Milano il giornalista Walter Tobagi (“Brigata 28 marzo”); a Roma, davanti al liceo “Giulio Cesare” viene ucciso il Vice Brigadiere Evangelista Francesco e feriti altri 2 poliziotti dai NAR, il gruppo neofascita di Mambro e Fioravanti.

Contestualmente rimane esplicito il richiamo del movimento Casapound al fascismo ed accertato il suo sistematico ricorso all’uso della violenza ed all’apologia del fascismo, come dimostrato anche dalla sentenza di Bari su “ricostituzione partito fascista” per Casapound. Motivo per il quale questo movimento dà scandalo nell’occupare ancora i locali pubblici di Via Napoleone III a Roma oppure di Area 121 ad Ostia.

Convinti che ci sia in Italia e in Europa, ma anche nel nostro territorio e nella sua storia passata e recente, un legame insidioso e pericoloso tra fascismo, razzismo, criminalità organizzata ed antisemitismo, soprattutto in questo periodo di pandemia e di difficoltà economiche, riteniamo l’impegno delle istituzioni e dei cittadini debba essere – pertanto – forte, unito e consapevole.

Un impegno, non solo incentrato nel rispetto delle leggi, ma soprattutto in un’azione di prevenzione e vigilanza, attraverso un lavoro culturale e di memoria dei valori fondanti, in particolare tra i giovani e nelle scuole.

Certi di un Suo impegno e sensibilità in tal senso siamo a chiederLe di non autorizzare, il prossimo 28 maggio 2022, l’annunciato corteo nazionale della formazione neofascista Casapound a Roma, Capitale d’Italia e città decorata di Medaglia d’Oro per il Risorgimento e per la Resistenza.

Roma, 14 maggio 2022

Fabrizio De Sanctis – Ass. Naz. Partigiani d’Italia – Presidente Comitato Provinciale di Roma

Bianca Cimiotta Lami – Federazione Italiana Associazioni Partigiane – Presidente Roma e Lazio

Cristina Olini – Ass. Naz. Partigiani Cristiani – Responsabile sezione di Roma

Manlio Milani – Presidente Associazione Familiari Caduti Strage di Piazza della Loggia

Francesco Albertelli – Ass. Naz. Famiglie Italiane Martiri – Presidente nazionale

Aldo Pavia – Ass. Naz. ex Deportati nei campi nazisti – Vicepresidente nazionale

Anna Maria Sambuco – Ass. Naz. Ex Internati Militari – Presidente sez. di Roma

Paolo de Zorzi – Ass. Naz. Perseguitati Politici Italiani Antifascisti – Presidente Federazione di Roma

Fabio Pietro Barbaro – Ass. Naz. Volontari e Reduci Garibaldini – Presidente sez. di Roma

Michele Azzola – Segretario CGIL Roma e Lazio

Alberto Civica – Segretario UIL Roma e Lazio

Vito Scalisi – Presidente Arci Roma

Giuseppe De Marzo – Resp. Politiche sociali Libera contro le mafie

Leonardo Soffientini – Coordinatore Rete degli Studenti Medi Roma

Duccio Sarmati – Coordinatore Unione degli Universitari Roma

Massimo Converso – Opera Nomadi

Vincenzo Vita – Associazione Articolo 21

Rete #NoBavaglio

Mario Colamarino – Presidente Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli

Rete dei Numeri Pari

Cesare Antetomaso – Presidente Giuristi Democratici – sede di Roma “Gianni Ferrara”

Casa Internazionale delle Donne

Piero Latino – Segretario Articolo Uno Roma

Riccardo Sbordoni – Coordinatore Progetto Enea

Marco Bizzoni – Segretario Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europea – Federazione di Roma

Adriano Labbucci – Segretario Sinistra Italiana Roma

Walter Tucci – Segreteria nazionale Partito Comunista Italiano

Sinistra Civica Ecologista

Andrea Silvestrini – Segretario Partito Socialista Italiano Roma

Guglielmo Calcerano e Marta Bevilacqua – Europa Verde provincia di Roma

___________________________________________

L’ADESIONE DEGLI EUROPARLAMENTARI DEL PD

«Fermiamo i fascisti in quella che si annuncia una nuova pericolosa marcia su Roma. Casa Pound promuove la manifestazione per il prossimo 28 maggio e lo fa tornando ad attaccare il giornalista italiano Paolo Berizzi, unico in Europa sotto scorta da anni per le minacce degli estremisti di destra, affermando ‘chi non partecipa è un Berizzi'”. Casapound vuole occupare la città il 28 maggio, giornata simbolo di una delle pagine più tragiche del terrorismo nero degli anni Settanta. Lo stesso giorno del 1974 a Brescia in piazza della Loggia una bomba fece 8 morti e 102 feriti tra le persone che manifestavano pacificamente contro il fascismo. I colpevoli furono individuati, molti anni dopo, tra i membri del gruppo neofascista Ordine Nuovo con basi in Veneto. Aderiamo all’appello dell’ANPI, di Articolo 21, della Rete Studenti Medi e di molte espressioni della società civile per chiedere di fermare questo scempio alla libertà e alla democrazia. Il ministero dell’Interno, la Prefettura di Roma e le autorità cittadine impediscano il raduno illegale di un’associazione che si richiama apertamente al fascismo. Poiché i rigurgiti neofascisti e neo nazisti sono diffusi in tutta Europa dobbiamo mobilitarci concretamente. A livello istituzionale chiederemo di creare un osservatorio europeo sui fenomeni di estrema destra presenti in Europa, individuando esperti e studiosi per elaborare un dossier da presentare al Parlamento europeo, anche a seguito di quanto è emerso attraverso il lavoro della Commissione speciale parlamentare INGE, sulle ingerenze e la disinformazione, riguardanti i legami tra regimi autoritari e settori dell’estrema destra europea ». Lo chiedono Brando Benifei, Pietro Bartolo, Simona Bonafè, Caterina Chinnici, Andrea Cozzolino, Paolo De Castro, Giuseppe Ferrandino, Elisabetta Gualmini, Camilla Laureti, Pierfrancesco Majorino, Alessandra Moretti, Pina Picierno, Giuliano Pisapia, Franco Roberti, Massimiliano Smeriglio, Irene Tinagli e Patrizia Toia, deputati della delegazione italiana del Partito democratico al Parlamento europeo.

Fonte: Anpi – https://anpi.it/a2690/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.