Panama: peggiorano condizioni di accoglienza dei migranti

Panama: peggiorano condizioni di accoglienza dei migranti | MSF Italia


24 Maggio 2022


24 Maggio 2022

Panama: peggiorano condizioni di accoglienza dei migranti

Le già terribili condizioni di accoglienza per i migranti che arrivano nella provincia di Darién, a Panama, sono peggiorate.

Forniamo cure mediche e assistenza psicologica presso il centro di accoglienza di San Vicente dove giungono ogni giorno circa 300 persone. Qui i nostri team sono testimoni delle lacune nella protezione, assistenza medica e servizi di emergenza di base rivolti ai migranti.

Le condizioni di accoglienza sono inadeguate. Ogni giorno centinaia di persone arrivano a Canaán Membrillo, il primo villaggio che si incontra dopo il pericoloso attraversamento del Darién Gap, senza ricevere alcuna assistenza medica. Queste persone vengono poi trasportate per tre ore in barca a San Vicente, dove i servizi non sono sufficienti e soddisfano a malapena gli standard internazionali”. Rabia Ben Ali coordinatrice delle operazioni di MSF a Panama

A differenza dell’anno scorso, quando i migranti arrivavano nella città di Bajo Chiquito – dove MSF e il ministero della salute fornivano assistenza – e poi trasferiti nei centri di Lajas Blancas e San Vicente, attualmente il punto di accesso a Panama è a Canaán Membrillo. Qui le donne vittime di violenza sessuale non ricevono alcun tipo di assistenza, così come i pazienti con gravi problemi medici. Una volta arrivati a San Vicente, le loro condizioni sono spesso peggiorate e il più delle volte è troppo tardi perché alcune cure per vittime di violenza sessuale, come la profilassi per evitare le infezioni da HIV o la contraccezione d’emergenza per impedire la gravidanza, devono essere somministrare entro 72 ore dalla violenza.

MSF chiede alle autorità panamensi di predisporre con urgenza meccanismi per l’individuazione delle vittime di violenza sessuale a Canaán Membrillo e di introdurre strumenti di protezione efficaci in grado di prevenire gli attacchi nei confronti dei migranti lungo la pericolosa rotta tra Colombia e Panama.

Bisogna migliorare anche le condizioni delle strutture di San Vicente. I ricoveri non sono possibili e i bambini e le donne incinte dormono per terra. Le condizioni igieniche sono scarse”. Rabia Ben Ali

Questa situazione influisce sulla salute fisica e mentale dei migranti.

Il nostro intervento

Ad aprile il nostro team ha assistito in media 78 pazienti al giorno, principalmente per malattie cutanee e dolori muscolari. Nel 20% dei casi si trattava di casi di diarrea, infezioni respiratorie e malattie digestive. Il nostro team di salute mentale ha visitato in media 6 pazienti al giorno con problemi di stress acuto, episodi di depressione, ansia e dolore per la perdita di propri familiari durante il viaggio, morti anche per annegamento.

Queste condizioni scaturiscono dalle esperienze vissute durante l’attraversamento del pericoloso Darién Gap, dove abbiamo documentato violenze sessuali, aggressioni e tragici incidenti provocati dal terreno insidioso. Sebbene sia stato registrato un calo nel numero di migranti in transito tra gennaio e febbraio, il fenomeno è aumentato nuovamente tra marzo e aprile, così come anche i casi di aggressione e violenza sessuale.

Nel 2022, da gennaio fino alla prima settimana di maggio, abbiamo seguito 89 casi di violenza sessuale verificatisi durante l’attraversamento della foresta del Darién. Nel 2021, da aprile a dicembre, i casi trattati sono stati 328.

Le testimonianze

Se hai figli e intendi intraprendere questo viaggio, sappi che c’è il rischio di essere stuprati, rapiti e rapinati. Rischi la morte e la fai rischiare ai tuoi figli. Ci hanno derubato. Alcune persone sono state costrette a spogliarsi, noi siamo stati costretti a guardare. Hanno preso tutti i nostri soldi e ci hanno detto che non saremmo stati violentati se avessimo obbedito agli ordini. Non c’è pietà. Lì la vita non vale nulla, nemmeno quella dei bambini”. Gabriela Donna venezuelana di 40 anni

Mariela, una donna messicana di 47 anni, ha lasciato la sua casa nel nord del Messico due anni fa per cercare il suo partner in Colombia, ma non lo ha trovato, per questo ha poi deciso di tornare in Messico attraverso il Darién Gap.

Nella giungla sono stata derubata e violentata. Ho visto persone morte, decapitate. L’ho raccontato quando mi hanno portato al centro di Lajas Blancas. Sono qui da 9 mesi, privata della mia libertà. Sono molto malata e nessuno mi ha spiegato perché sono detenuta da così tanto tempo”. Mariela

John ha lasciato il Sudafrica con la sua famiglia.

Ci hanno lasciato senza vestiti, cibo, soldi. Hanno preso i nostri cellulari, tutto. Ci hanno lasciati come animali in balia della foresta. Hanno separato le donne, indipendentemente dalla loro età e dal fatto che avessero figli con loro. Gli uomini armati hanno perquisito a mani nude le parti intime delle donne per verificare se nascondevano dei soldi lì. Durante il viaggio molte famiglie sono state separate. Avevo perso le mie figlie, non avevo idea di dove fossero. Non avevamo più niente tranne le nostre ferite. Ho pianto per giorni. Le condizioni mediche delle persone sono terribili. Abbiamo tutti bisogno di cure”. John

Rinnoviamo il nostro appello a garantire maggiore protezione durante il viaggio, oltre ad assistenza medica d’emergenza a Canáan Membrillo e al miglioramento delle condizioni di accoglienza al centro di accoglienza di San Vicente per i migranti che attraversano la foresta del Darién.

MSF Italia is part of a global network delivering medical aid where it is needed most. Independent. Neutral. Impartial.

Fonte: Medici Senza Frontiere – https://www.medicisenzafrontiere.it/news-e-storie/news/panama-accoglienza-migranti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.