Gaza: alcune ferite non guariscono mai

Gaza: alcune ferite non guariscono mai | MSF Italia


25 Maggio 2022


25 Maggio 2022

Gaza: alcune ferite non guariscono mai

Dal 10 al 21 maggio del 2021, attacchi aerei e bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza hanno ucciso 256 persone, inclusi 66 bambini.

Circa 2.000 palestinesi sono rimasti feriti durante gli attacchi, inclusi oltre 600 bambini e 400 donne, alcuni dei quali hanno riportato ferite che hanno causato disabilità a lungo termine, come la perdita degli arti o della vista.

In Israele ci sono stati 13 morti e 700 feriti a causa dei razzi lanciati dalla Striscia di Gaza. Il 21 maggio 2021 è entrato in vigore un cessate il fuoco mediato dall’Egitto e i bombardamenti sono cessati.

Anche prima degli episodi dell’anno scorso, la maggior parte dei palestinesi a Gaza aveva già vissuto il trauma della guerra, in particolare nel 2014 e durante la Grande Marcia del Ritorno nel 2018. Questo trauma – di temere per la propria vita, di vedere la propria casa distrutta e delle difficoltà economiche quotidiane – è stato aggravato dagli eventi di maggio 2021. Il problema della salute mentale a Gaza è ora ancora più grave.

Dei due milioni di palestinesi che vivono a Gaza, oltre il 40% sono bambini di età pari o inferiore a 14 anni. Questi bambini hanno vissuto tutta la loro vita sotto il blocco israeliano, sono sopravvissuti a tre grandi offensive da e hanno subito numerosi traumi.

A un anno dall’ultimo bombardamento, i palestinesi nella Striscia di Gaza si sentono più insicuri che mai.

La storia di Mohammad*

Era il primo giorno di bombardamenti. Mi trovavo con mio figlio nella parte esterna di casa nostra, quando un missile ha colpito una macchina a meno di un metro da noi. Non ricordo esattamente l’ordine degli eventi, ma a un certo punto ho visto le mie gambe gravemente ferite. Guardando di lato, accanto a me, mio figlio non era più cosciente. Il suo addome era squarciato, ed entrambe le sue mani erano distrutte. Ho iniziato a urlare. Mia moglie e le mie due figlie, che in quel momento si trovavano dentro casa, si sono precipitate verso di noi. Anche loro si sono messe a urlare. C’erano moltissime persone ferite tutt’intorno a noi e nessuna ambulanza in arrivo.

I vicini caricavano i morti e i feriti nelle loro macchine e si precipitavano verso l’ospedale. Mio figlio è salito per primo su una macchina, ma credo che a quel punto fosse già morto. Non c’era spazio per me in quella macchina. Sono stato portato in un’altra, assieme a tre persone, gravemente ferite.

Sono finito nel bagagliaio, con le gambe a penzoloni fuori dalla macchina. Il tragitto verso l’ospedale sembrava l’inferno in terra. Ovunque guardassimo c’era distruzione, incendi dappertutto, bombe che continuavano a cadere dal cielo. Metà Gaza era stata bombardata.

È stata diversa da tutte le altre guerre che ho visto. Stavano prendendo di mira i civili, non c’erano posti in cui scappare. Le fiamme erano ovunque. Da quel momento, la mia famiglia è stata totalmente distrutta. Mia moglie mi ha lasciato; ha avuto un crollo psicologico, da cui non si è mai più ripresa. Mi dava la colpa per la morte del nostro unico figlio. Solo una delle mie due figlie è rimasta con me, ora siede qui, accanto al mio letto d’ospedale.

È passato un anno e sono ancora bloccato su un letto d’ospedale. Sono stato sottoposto a talmente tante operazioni e interventi che ho perso il conto. Penso di aver battuto il record di interventi chirurgici.

Sorrido perché non c’è nient’altro che io possa fare, ho bisogno di sorridere.

MSF Italia is part of a global network delivering medical aid where it is needed most. Independent. Neutral. Impartial.

Fonte: Medici Senza Frontiere – https://www.medicisenzafrontiere.it/news-e-storie/news/gaza-bombardamenti/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.