SGUARDO SUL MEDITERRANEO #48 – Appello dell’ONU a salvare vite in mare, centinaia di persone nuovamente abbandonate al loro destino dalle autorità marittime      

      >Aggiornato 26 maggio 2022 

Centinaia di donne, bambini e uomini soccorsi dai cittadini in mezzo a un aumento dei blocchi per il loro sbarco  

A partire dalla mattina del 9 maggio e nelle 72 ore successive, le equipe di Medici senza frontiere (MSF) hanno salvato 470 persone da sette imbarcazioni in difficoltà nelle regioni di ricerca e soccorso libiche e maltesi e le hanno portate a bordo della Geo Barents senza alcun coordinamento da parte delle autorità marittime. Dopo sette giorni di attesa, il 18 maggio il porto di Augusta è stato assegnato alla Geo Barents per lo sbarco dei sopravvissuti.

MSF ha denunciato questo prolungato ritardo nella designazione di un Porto Sicuro per lo sbarco dei sopravvissuti, che si sta “avvicinando alla media di 8,5 giorni* raggiunta quando le attività SAR erano apertamente perseguitate”. Il processo di sbarco è iniziato il 19 maggio, ma è stato interrotto a metà. Le autorità italiane hanno dato istruzioni alla Geo Barents di andare all’ancora con 238 persone, “tra cui alcuni con arti rotti e un paziente diabetico”, ha dichiarato MSF. La mattina successiva, sei sopravvissuti si sono gettati in mare. Tutti i superstiti sono stati recuperati dall’equipaggio della Geo Barents. Lo sbarco è stato completato il 21 maggio.

Il 10 maggio, in seguito all’allarme lanciato dall’aereo Colibri2 di Pilotes Volontaires per due imbarcazioni in difficoltà, 110 e 112 persone sono state soccorse dalla Guardia Costiera italiana, con la collaborazione della Sea-Watch 4.

Il 15 maggio, alla Sea-Eye 4 è stato assegnato il porto di Pozzallo, in Sicilia, come Porto Sicuro per lo sbarco di 58 persone salvate in due distinte operazioni nella Regione di ricerca e soccorso maltese all’inizio della settimana.

A seguito dei salvataggi di un totale di 145 persone evacuate da imbarcazioni non adatte alla navigazione e sovraffollate nella regione libica di ricerca e soccorso tra il 4 e l’8 maggio, la Sea-Watch 4 ha ottenuto l’autorizzazione a sbarcare i sopravvissuti nel porto di Augusta, in Sicilia, il 16 maggio. Lo sbarco è avvenuto il giorno successivo.

Tra il 18 e il 21 maggio, la barca a vela Astral, della ONG SAR Open Arms, ha contribuito al salvataggio di tre imbarcazioni in difficoltà nella regione libica di ricerca e soccorso, allertando e fornendo assistenza ai casi di pericolo. Il 22 maggio, Astral ha fornito assistenza a una quarta imbarcazione in difficoltà, poi soccorsa dall’Ocean Viking.

Tra il 19 e il 23 maggio, la Ocean Viking ha soccorso 2976 persone in quattro distinte operazioni. Un totale di 158 sopravvissuti è stato tratto in salvo da due gommoni trovati in difficoltà nella regione libica di ricerca e soccorso. Tra i sopravvissuti c’erano sei donne incinte, diversi bambini e un neonato di 3 mesi. I sopravvissuti hanno denunciato la scomparsa di una persona, caduta in acqua poche ore prima del salvataggio. Il 22 maggio, in un’operazione di salvataggio notturna, 75 sopravvissuti sono stati evacuati da un gommone in difficoltà dopo che il veliero Nadir, della ONG ResQship, li ha assistiti stabilizzando la situazione per diverse ore. In precedenza, la Ocean Viking ha cercato un’imbarcazione segnalata come in difficoltà dalla rete civile Alarm Phone, poi confermata come intercettata dalla guardia costiera libica. Il team della Ocean Viking ha visto una motovedetta libica che trasportava numerose persone. I sopravvissuti sono stati probabilmente rimpatriati illegalmente in Libia.

Il 23 maggio, poche ore dopo l’evacuazione medica di un sopravvissuto salvato la sera prima, l’équipe a bordo dell’Ocean Viking ha effettuato un quarto salvataggio di 64 persone da una barca di legno in difficoltà avvistata e stabilizzata dal veliero Astral. Un totale di 296 persone è ora assistito dalle squadre della FICR e di SOS MEDITERRANEE a bordo della nave.

Il 25 maggio si è verificata una tragica operazione di salvataggio. Mentre il veliero Astral di Open Arms cercava di prestare assistenza a una barca di legno trovata in difficoltà con oltre cento persone a bordo, l’imbarcazione si è rovesciata. In collaborazione con il veliero Nadir di ResQship, i sopravvissuti sono stati recuperati su zattere di salvataggio. Al momento in cui scriviamo, non si sa se le persone siano morte.

Alarabiya News ha riferito di un tragico naufragio al largo delle coste tunisine il 20 maggio: “tre persone sono state trovate morte o altre dieci sono scomparse dopo che la loro imbarcazione si è rovesciata”, altre 44, a bordo dello stesso imbarco, sono state salvate dalla guardia costiera tunisina.

Il 24 maggio, il giornalista di Radio Radicale Sergio Scandura ha denunciato un altro naufragio che ha causato la morte di tre persone e la scomparsa di altre tre, mentre 17 sopravvissuti sono stati intercettati dalla Guardia costiera libica.

Al largo della Libia, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) ha registrato una drammatica ondata di rimpatri illegali. Un totale di 1625 persone sono state intercettate e riportate forzatamente in Libia dalle guardie costiere libiche nelle ultime due settimane: 996 dall’8 al 14 maggio e 629 dal 15 al 21 maggio 2022.

Il silenzio delle autorità marittime maltesi più volte segnalato sulle operazioni SAR  

Secondo Times of Malta, il 12 maggio le autorità maltesi hanno ignorato le segnalazioni di un imbarcazione in difficoltà con 24 persone a bordo nella regione SAR maltese. Pochi giorni dopo, il 16 maggio, un’altra imbarcazione in difficoltà con 26 persone a bordo nella regione SAR di Malta è stata lasciata da sola per diverse ore. Le persone a bordo hanno riferito di essere in mare da tre giorni e di essere a corto di cibo e acqua. La prima imbarcazione è stata soccorsa dalla Sea-eye 4. Secondo Sergio Scandura di Radio Radicale, la seconda imbarcazione è stata infine soccorsa dalla Guardia Costiera italiana al largo delle coste siracusane il 17 maggio.

Arrivi autonomi in Italia: una grande barca di legno ha attraversato il Mediterraneo centrale con 450 persone a bordo 

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, il 14 maggio la Marina tunisina ha soccorso 81 persone da un’imbarcazione precaria partita dalla Libia.
Il 15 maggio, 79 persone su una barca a vela sono state soccorse dalla Guardia Costiera italiana e sbarcate a Pozzallo.
Secondo Sky, 269 persone a bordo di tre imbarcazioni hanno raggiunto autonomamente le acque al largo di Lampedusa il 16 maggio e sono sbarcate nelle ore successive sotto la supervisione delle autorità italiane.
Secondo l’Ansa, un peschereccio con 450 persone a bordo è sbarcato autonomamente nel porto di Pozzallo, scortato dalla Guardia di Finanza e dalle autorità portuali il 17 maggio.
Il 24 maggio, un’imbarcazione in vetroresina di 12 metri con 110 persone sarebbe arrivata autonomamente a Lampedusa.

Avvio del processo italiano contro quattro membri dell’equipaggio della Iuventa 

A cinque anni dall’inizio delle indagini, il tribunale di Trapani in Sicilia ha avviato il processo contro quattro membri dell’equipaggio della nave Iuventa. Sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Altri membri delle ONG Save the Children e Medici senza frontiere sono perseguiti nello stesso processo in seguito alle attività di soccorso condotte nel 2017.

Appello delle Nazioni Unite a salvare vite umane in mare 

Il 18 maggio, l’OIM ha aderito a un “Appello per salvare vite in mare” insieme ad altre cinque agenzie delle Nazioni Unite (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati – UNHCR, Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani – OHCHR, Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine – UNODC, Fondo di Emergenza delle Nazioni Unite per l’Infanzia – UNICEF, Relatore Speciale delle Nazioni Unite sui Diritti dei Migranti). Le organizzazioni delle Nazioni Unite ricordano agli Stati le loro responsabilità in termini di ricerca e salvataggio in mare e insistono sul fatto che un salvataggio termina dopo lo sbarco delle persone salvate in un “Porto Sicuro”, come definito dalla MSC.167 dell’Organizzazione Marittima Internazionale. (78) – Linee guida sul trattamento delle persone soccorse in mare: “un luogo di sicurezza come un luogo in cui le operazioni di salvataggio sono considerate terminate; in cui la sicurezza della vita dei sopravvissuti non è più minacciata e in cui i loro bisogni umani fondamentali (come cibo, riparo e necessità mediche) possono essere soddisfatti, tenendo conto delle circostanze particolari di ciascun individuo (MSC.167(78), parr. 6.12 e 6.15)”.

Fonte: Sos Mediterranee – https://sosmediterranee.it/sguardo-sul-mediterraneo-48-appello-dellonu-a-salvare-vite-in-mare-centinaia-di-persone-nuovamente-abbandonate-al-loro-destino-dalle-autorita-marittime/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.