Il giornalista russo Andrei Soldatov è ricercato per aver rivelato la crisi interna dell’intelligence russa

Il giornalista russo Andrei Soldatov è ricercato per aver rivelato la crisi interna dell’intelligence russa

Iscriviti alla nostra Newsletter

6 min lettura

di Meduza

Dopo l’invasione dell’Ucraina, la Russia ha militarizzato l’approccio alla censura. Da oltre tre mesi è un reato diffondere sui media o sui social network qualsiasi informazione che contraddica la propaganda del Ministero della Difesa russo. Il giornalista investigativo ed esperto di servizi di sicurezza russi Andrei Soldatov ha messo alla prova questi limiti estesi alla libertà di parola, riportando un presunto giro di vite contro un dipartimento del Servizio di sicurezza federale, colpevole di aver fornito a Vladimir Putin le informazioni sbagliate che hanno portato il presidente a prevedere una facile campagna in Ucraina. Soldatov ha dichiarato a Meduza di ritenere che il procedimento penale recentemente aperto contro di lui per aver diffuso “disinformazione” sull’esercito sia in realtà una vendetta dell’FSB [il Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa che, nei limiti della sua autorità, svolge compiti per garantire la sicurezza interna della Federazione Russa] per aver denunciato lo scandalo dell’agenzia.

Il 17 marzo 2022 è stato aperto un procedimento penale contro Andrei Soldatov per aver diffuso “false informazioni” sull’esercito russo. Soldatov è venuto a conoscenza dell’indagine solo tre settimane dopo, quando le sue banche gli hanno improvvisamente comunicato che tutti i suoi conti erano stati congelati. I suoi saldi erano diventati negativi per un ammontare di 5 milioni di rubli (più di 80.000 dollari), pari alla multa massima prevista dal codice penale per la “disinformazione militare”.

Le autorità hanno anche sequestrato la sua Opel Astra blu scuro del 1999. Soldatov dice che il veicolo non vale molto (ora è valutato 90.000 rubli – circa 1.565 dollari), ma ha un significato sentimentale per lui: questa è l’auto con cui un agente dell’FSB di Mosca una volta ha cercato di convincerlo a non indagare sull’assedio al teatro di Mosca dell’ottobre 2002, ed è l’auto che aveva bisogno di pneumatici gonfi quando ha saputo che suo padre era stato nominato viceministro delle comunicazioni russo.

A differenza dei risparmi personali e della vecchia auto, Soldatov stesso rimane fuori dalla portata delle forze dell’ordine russe, essendo fuggito all’estero nel 2020. In patria è ora un ricercato, accusato dal Dipartimento Investigativo Principale del Comitato Investigativo Federale di aver diffuso “disinformazione” sulle forze armate in un’intervista al canale YouTube Popular Politics, che il team dell’attivista politico Alexey Navalny ha lanciato nel marzo 2022.

La “disinformazione” e le successive accuse

L’11 marzo, Soldatov è apparso su Popular Politics per discutere del ruolo dei servizi segreti russi nella pianificazione della cosiddetta “operazione militare speciale” del Cremlino in Ucraina. Durante la conversazione in livestreaming, Soldatov ha menzionato la partecipazione della Guardia Nazionale alla guerra, sostenendo che le battute d’arresto militari della Russia nell’invasione, fino a quel momento, erano dovute in parte al fatto che la Guardia Nazionale era più preparata a picchiare i manifestanti che a fare la guerra. Soldatov ha sostenuto che i responsabili di Mosca avevano affrontato l’invasione come un’operazione di polizia e non come una campagna militare, perché credevano che gli ucraini avrebbero accolto con favore le forze russe.

Formalmente, Soldatov è accusato di aver messo in dubbio la preparazione della Guardia Nazionale al combattimento. Gli inquirenti sostengono che abbia diffuso questa “disinformazione” deliberatamente, per motivi di “odio politico”. L’intervista di Soldatov, tuttavia, è stata dedicata principalmente alla rappresaglia all’interno della comunità dei servizi segreti contro i reparti considerati responsabili della fallita offensiva russa contro Kiev.

Come dichiarato a Meduza, per Soldatov, questo lavoro investigativo è il vero motivo delle accuse.

Due settimane dopo l’invasione, secondo le fonti di Soldatov, le autorità hanno messo agli arresti domiciliari il capo del Servizio di informazione operativa e di collegamento internazionale dell’FSB. Questo dipartimento, noto anche come “Quinto Servizio” dell’FSB, supervisiona i collegamenti dell’agenzia con i partner all’estero. Secondo le informazioni raccolte da Soldatov e dalla collega Irina Borogan, un’unità all’interno del Quinto Servizio opera dal 2004 come parte di una struttura dedicata a mantenere i Paesi dell’ex URSS nella sfera d’influenza della Russia.

All’inizio di marzo 2022, Soldatov e Borogan hanno riferito che il generale Sergey Beseda, capo del Quinto Servizio dell’FSB, era stato arrestato insieme a un suo vice poco dopo l’inizio dell’invasione di febbraio – anche se altre fonti hanno smentito queste affermazioni, pubblicando persino prove che Beseda rimane un uomo libero. Ad esempio, il Dossier Center, un’agenzia di stampa investigativa lanciata dall’ex magnate del petrolio Mikhail Khodorkovsky, ha parlato con persone che affermano che non c’è nemmeno un caso penale aperto contro il generale dell’FSB. Molteplici fonti hanno affermato che Beseda è stato interrogato “a scopo dimostrativo” nell’ambito di un’operazione dell’Ufficio Affari Interni dell’FSB volta a trovare fughe di notizie all’interno dell’agenzia. Il 29 aprile, inoltre, Beseda ha partecipato al funerale del veterano dell’intelligence Nikolai Leonov, pronunciando persino un elogio funebre.

Secondo Soldatov, tuttavia, l’FSB ha portato Beseda al funerale solo per stroncare le voci su un conflitto all’interno dell’intelligence russa. “Ovviamente lo scopo di un’operazione speciale come questa non può che essere un disperato tentativo di spegnere le voci di lotte intestine tra le forze di sicurezza, che in condizioni di guerra sono state apparentemente considerate inaccettabili”, ha dichiarato Soldatov a Meduza.

Fonti hanno riferito a Soldatov e Borogan che il generale Beseda è indagato per appropriazione indebita di fondi governativi destinati a finanziare l’opposizione filorussa in Ucraina. “Non possono punirlo per cattiva intelligence perché non esiste un reato del genere nel codice”, ha spiegato Soldatov, “ma si può sempre buttarla sui soldi”.

Soldatov ha riferito dei presunti arresti domiciliari di Beseda l’11 marzo. Due giorni dopo, l’FSB ha ricevuto le prime accuse penali contro Soldatov per aver “deliberatamente diffuso false informazioni” sul generale Beseda. Le affermazioni secondo cui avrebbe anche diffuso “informazioni false” su YouTube riguardo alla Guardia Nazionale sono apparse solo alla fine del rapporto (che è stato presentato dall’Ufficio Affari Interni dell’agenzia – lo stesso dipartimento che avrebbe indagato su Beseda).

Il rapporto contro Soldatov è stato poi presentato al direttore dell’Ufficio Affari Interni dell’FSB, il tenente generale Alexey Vertyashkin – lo stesso alto funzionario che l’anno scorso ha autorizzato le intercettazioni del giornalista investigativo Roman Anin, dei suoi genitori e della sua fidanzata. (Anin era un testimone in un caso penale avviato dopo aver scritto su Novaya Gazeta, nel luglio 2016, che l’ex moglie dell’amministratore delegato di Rosneft Igor Sechin aveva un accesso insolito a uno yacht di lusso).

Tuttavia, l’FSB non ha aperto un procedimento penale contro Soldatov dopo questa prima denuncia. Solo quattro giorni dopo, in seguito a un rapporto presentato dal Dipartimento principale di indagini del Comitato investigativo federale, le autorità hanno iniziato a indagare formalmente su Soldatov. “L’FSB probabilmente si è resa conto che sarebbe finita male se avessero iniziato a indagare le nostre affermazioni su Beseda, perché avrebbero dovuto parlare a loro volta di Beseda. E non volevano”, ha dichiarato Soldatov a Meduza.

Sebbene le accuse di diffamazione riguardanti le affermazioni di Soldatov sui presunti arresti domiciliari del generale Beseda siano scomparse dalle accuse formali, l’Ufficio Affari Interni dell’FSB continua a seguire il caso.

Un reato che dovrebbe essere difficile da dimostrare

Nonostante gli evidenti tentativi delle autorità di cucire le accuse addosso a Soldatov, distogliendo così l’attenzione dalle affermazioni sulle lotte intestine dei servizi segreti russi, l’avvocato difensore del giornalista, Valeriya Arshinova, sostiene che le autorità potrebbero comunque affrontare alcune domande scomode in tribunale. Ad esempio, per dimostrare che Soldatov ha “deliberatamente” mentito sulla prontezza di combattimento della Guardia Nazionale dovrebbe essere necessario dimostrare che la Guardia Nazionale aveva gli uomini e i materiali necessari per la “speciale operazione militare” del Cremlino in Ucraina. Inoltre, come ci si aspetta che Soldatov, un civile, possa conoscere la reale capacità bellica della Guardia Nazionale? E qual è la prova delle sue “motivazioni politiche”?

Nei tre mesi in cui la Russia ha criminalizzato la diffusione della “disinformazione” sulle proprie forze armate, le autorità hanno avviato circa 60 procedimenti penali, di cui almeno 10 contro giornalisti. Di tutti i procedimenti penali per “disinformazione” contro i giornalisti, solo tre sono iniziati con denunce presentate dall’FSB. Il caso di Andrei Soldatov è uno di questi.

Valeriya Arshinova dice di aspettarsi che le accuse contro Soldatov vadano presto in tribunale. Gli investigatori sono ora impegnati a raccogliere prove e pareri di esperti. Nel frattempo, ha consigliato al suo cliente di evitare i paesi che mantengono buone relazioni con la Russia, nonostante l’invasione dell’Ucraina. Tra questi, Bulgaria, Ungheria, Serbia, Turchia e Armenia.

“Ciò che conta ora è garantire la sicurezza delle nostre fonti di comunicazione”, afferma Soldatov. “Eravamo già molto attenti a questo aspetto, ma ora dovremo raddoppiare gli sforzi. Dovremo controllare e ricontrollare tutti i nostri dispositivi e metodi di comunicazione”.

Articolo originale pubblicato sul sito indipendente russo Meduza – per sostenere il sito si può donare tramite questa pagina.

Immagine anteprima di Bartolomeo Rossi.

Segnala un errore

Fonte: Valigia Blu – https://www.valigiablu.it/andrei-soldatov-russia-fsb/ – per l’indicazione esatta dell’autore fare riferimento a questo link che contiene il post originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.