Facciamoli scendere

L’umanità al porto di Catania. Tutti gli aggiornamenti sulla mobilitazione permanente.

Dalla notte tra il 5 e il 6 novembre centinaia e centinaia di persone hanno attraversato il presidio permanente al Porto di Catania. Si è creato immediatamente su proposta della Rete Antirazzista nelle vicinanze della nave Humanity1 appena approdata. Non troppo vicino, la polizia lo impedisce.

Il presidio va avanti, a oltranza, fino a quando tutti i naufraghi salvati delle navi umanitaria non saranno a terra, finalmente in un luogo sicuro, dopo dieci giorni di attesa in acque internazionali. Nessun paese europeo aveva dato autorizzazione all’attracco. Circa trenta persone rimangono a bordo della Humanity1, ostaggi del Governo Meloni. Nel frattempo è giunta a Catania anche la nave umanitaria Geo Barents di Medici Senza Frontiere. 572 naufraghi salvati. In 217 sono rimasti a bordo. Anche loro ostaggi del Governo.

250 uomini, carne da macello, in balia di un Governo che ha deciso di usare la disumanità e la violenza contro i più vulnerabili del mondo. Come se fosse normale, per affermare un principio politico, umiliare e lasciare soffrire all’estremo 250 esseri umani e chissà quanti altri in futuro. La barbarie.

Noi siamo e resteremo al porto di Catania. Con centinaia di altre e altri. Qui tutti gli aggiornamenti. Fisicamente, virtualmente, organizzandovi nelle vostre città: accorrete anche voi. Restiamo umani!

Segui qui tutti gli aggiornamenti: https://www.facebook.com/events/500628642112334/

LUNEDì 7 NOVEMBRE

Dalle ore 9,30 presso il molo 4 di Levante, di fronte la nave Humanity1 al PORTO DI CATANIA.

Alle ore 16 presso il molo 10 centrale, di fronte la nave Geo Barents al PORTO DI CATANIA.

Fonte: I Siciliani – https://www.isiciliani.it/facciamoli-scendere/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.