Elezioni di midterm negli Stati Uniti: l’onda rossa ridotta a un rivolo

Print Friendly

di Fabi Fugazza

La giornata di ieri è stata foriera di grandi cambiamenti all’interno delle costituzioni di diversi Stati americani, mentre le aspettative di una clamorosa rinascita repubblicana alle elezioni di midterm dopo l’acceso esito della corsa presidenziale del 2020 sono state deluse. 

Molti si aspettavano che il Partito Repubblicano recuperasse gran parte del terreno perso nelle elezioni del 2020 durante le elezioni di midterm di martedì, nelle quali sono stati messi in palio tutti i 435 seggi della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti e un terzo dei seggi del Senato degli Stati Uniti. Alcuni si aspettavano una vittoria repubblicana schiacciante, tale da garantire la candidatura di Donald Trump alle prossime presidenziali. 

Invece, con i rapporti di forza al Senato ancora in equilibrio e molte sfide ancora da definire, sembra che, nel momento in cui scriviamo, i repubblicani probabilmente riprenderanno di stretta misura il controllo della Camera dei Rappresentanti e l’amministrazione guidata da Biden non subirà perdite così significative come quelle che in passato hanno tipicamente colpito i presidenti al primo mandato. Certamente, anche se il Partito Repubblicano dovesse superare la soglia dei 218 seggi necessari per strappare il controllo della Camera ai Democratici, non c’è dubbio che l’”onda rossa”, come quella che si aspettavano Trump e i suoi sostenitori, non si è verificata. Questo è di per sé un risultato significativo, considerando l’attuale scenario che lavora contro l’amministrazione Biden: un’economia in difficoltà, indici di gradimento pessimi e una maggioranza legislativa molto sottile.

Questo risultato è rappresentativo di un movimento di protesta e opinione costruito contro il rovesciamento del diritto all’aborto da parte della Corte Suprema, che ha indignato milioni di persone e ha spinto un esercito di giovani donne a correre alle urne? L’insuccesso di molti candidati sostenuti da Trump (molti dei quali hanno perso terreno rispetto ai loro avversari) ferirà fatalmente il previsto ritorno di Trump sulla scheda elettorale come candidato repubblicano alle elezioni presidenziali del 2024? Di certo, la vittoria schiacciante di Ron DeSantis in Florida alimenterà le voci che lo vedranno “battere” Trump e diventare il candidato repubblicano alle presidenziali del 2024. Il tempo lo dirà, ma oggi i repubblicani stanno sicuramente rivalutando la loro posizione, a prescindere dalla situazione finale una volta che i risultati saranno definitivi.

Resti di schiavitù aboliti in alcuni Stati chiave

In Tennessee, l’articolo I, sezione 33 della costituzione statale è stato emendato per proibire la schiavitù e la servitù involontaria anche all’interno delle carceri, dove in precedenza erano consentite nello Stato, ma solo “come punizione per una persona che è stata debitamente condannata per un crimine”. Con l’eliminazione di questa eccezione decisa dagli elettori con una maggioranza del 79,54% – secondo l’ufficio del Segretario di Stato – martedì scorso, lo Stato ora proibisce completamente la schiavitù e la servitù forzata.

Gli elettori dell’Oregon, dell’Alabama e del Vermont si sono mossi in modo analogo per rimuovere il linguaggio equivalente dalle loro costituzioni statali, mentre in Louisiana, un ex Stato schiavista, gli elettori hanno respinto un emendamento che mirava a fare lo stesso.  

La Costituzione degli Stati Uniti continua a includere un linguaggio che consente di imporre la servitù involontaria come punizione per i crimini, anche se la schiavitù è stata abolita nel 1865.  

Anche in Alabama gli elettori hanno votato in massa per cancellare la dicitura razzista dalla Costituzione dello Stato dell’Alabama. Le formulazioni che sostenevano i razzisti erano rimaste dall’epoca Jim Crow, con formulazioni che riguardavano la supremazia bianca, le scuole segregate e il divieto di matrimonio interrazziale. Questa modifica significativa completerà un processo approvato dagli elettori nel 2020 e porterà la Costituzione al passo con la posizione assunta dalla magistratura, dato che le disposizioni razziste in materia erano state a lungo invalidate da sentenze dei tribunali.

Il diritto all’aborto difeso in tre stati chiave

Sul controverso tema dell’aborto, che si è recentemente infiammato nel giugno di quest’anno con l’annullamento della storica sentenza Roe contro Wade, gli elettori di diversi Stati hanno votato in linea con la decisione della Corte Suprema di lasciare la politica in materia nelle mani dei singoli Stati.

In almeno tre Stati chiave i democratici si sono assicurati una vittoria, che dovrebbe scongiurare il divieto di aborto, almeno fino alla prossima volta che gli Stati si recheranno alle urne quando questa decisione potrà essere sovvertita.

Il candidato governatore democratico della Pennsylvania, Josh Shapiro, ha prevalso sullo sfidante repubblicano Doug Mastriano, assicurando che qualsiasi nuova restrizione all’aborto approvata dalla legislatura dello Stato, controllata dai repubblicani, sarà sottoposta a veto. L’aborto in Pennsylvania rimarrà quindi legale.

In Michigan, la governatrice democratica Gretchen Whitmer ha vinto la rielezione e lo Stato ha approvato una misura elettorale che sancisce i diritti all’aborto nella Costituzione statale del Michigan.

I diritti riproduttivi sono stati protetti in modo analogo in California, Michigan e Vermont, mentre una misura anti-aborto nel Kentucky, profondamente conservatrice, è stata sconfitta.

È importante notare che nella Carolina del Nord, uno degli unici luoghi del Sud in cui l’aborto non è vietato, i repubblicani non sono riusciti a ottenere una supermaggioranza nella legislatura statale, il che significa che il governatore democratico Roy Cooper sarà in grado di porre il veto su qualsiasi divieto di aborto approvato e mantenere la procedura legale. I divieti sull’aborto rimangono una minaccia incombente in Florida e Georgia, dove i governatori repubblicani hanno mantenuto le loro posizioni, e con le legislature controllate dai repubblicani, i divieti sull’aborto rimangono una possibilità concreta. Al momento in cui scriviamo, è troppo presto per dire quale partito avrà il controllo del Congresso, che è anche cruciale nella discussione sulla politica federale sull’aborto. 

Marijuana legalizzata in altri due Stati 

Il Maryland e il Missouri si uniranno alla schiera di altri 19 Stati e del Distretto di Columbia che consentono l’uso ricreativo della marijuana dopo che martedì gli elettori hanno votato a favore delle misure di legalizzazione. Rimangono ora tredici Stati che vietano completamente l’uso della marijuana, mentre gli altri Stati ne consentono l’uso a solo scopo terapeutico. Gli elettori degli Stati rossi dell’Arkansas, del Nord Dakota e del Sud Dakota hanno respinto le misure per legalizzare l’uso ricreativo, che rimane illegale a livello federale. Gli elettori del Missouri si sono spinti oltre, votando per cancellare la maggior parte dei precedenti arresti e condanne per uso ricreativo di marijuana. 

Nuove “prime volte” 

Gli elettori hanno anche assicurato alcune nomine storiche in questo ciclo di midterm, con l’elezione della democratica Maura Healey come prima governatrice donna del Massachusetts e prima governatrice apertamente lesbica, l’elezione della repubblicana Sarah Huckabee Sanders come prima governatrice donna dell’Arkansas, l’elezione della democratica Kathy Hochul, prima governatrice donna eletta di New York e l’elezione del primo membro della Generazione Z del Congresso, il venticinquenne democratico Maxwell Alejandro Frost, che ha vinto un seggio nel decimo distretto congressuale della Florida.

[Immagine di copertina: Photo by Element5 Digital on Unsplash]

Fonte: Cild.eu – https://cild.eu/blog/2022/11/10/elezioni-di-midterm-negli-stati-uniti-londa-rossa-ridotta-a-un-rivolo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.