L’ambasciata statunitense a Gerusalemme sarà costruita su terreni palestinesi confiscati?

ttps://www.nytimes.com/2023/01/15/opinion/embassy-jerusalem-israel-palestine.html?te=1&nl=morning-briefing%3A-europe-edition&emc=edit_mbe_20230116

L’amministrazione Biden sta raddoppiando la sconsiderata decisione del suo predecessore di riconoscere le rivendicazioni di Israele su Gerusalemme come capitale, rompendo con quasi 70 anni di politica. Il Dipartimento di Stato sta portando avanti i piani per erigere un’ambasciata a Gerusalemme, in parte su terreni rubati da Israele poco dopo la sua fondazione ai rifugiati palestinesi, compresi i cittadini americani.

Nel 2017, l’amministrazione Trump ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele e nel 2018 ha trasferito l’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Da allora, l’ambasciata è ospitata nel quartiere di Arnona, in quello che era l’edificio del consolato. A novembre, il Comitato per la pianificazione e l’edilizia del distretto di Gerusalemme ha pubblicato i progetti dettagliati forniti da funzionari statunitensi nel 2021 per un complesso diplomatico in un’area un tempo nota come Caserma Allenby.

La maggior parte del sito della Caserma Allenby è di proprietà palestinese, comprese alcune parti della mia famiglia, le cui radici a Gerusalemme risalgono a più di 1.000 anni fa. I miei antenati e molte altre famiglie di Gerusalemme affittarono questa terra alla Gran Bretagna alla fine del suo dominio sulla Palestina.

Sebbene i funzionari del Dipartimento di Stato non abbiano confermato pubblicamente questi piani, hanno dichiarato che la nuova ambasciata sarà a Gerusalemme – che l’amministrazione Biden ha affermato essere riconosciuta da Washington come capitale di Israele. “Gli Stati Uniti non hanno ancora deciso quale sito scegliere”, ha dichiarato un portavoce a The Intercept. “Una serie di fattori, tra cui la storia dei siti, faranno parte del nostro processo di selezione del sito”.

Tuttavia, i piani presentati per la nuova ambasciata e resi pubblici dalle autorità israeliane indicano chiaramente che il progetto sul sito della caserma Allenby sta andando avanti.

Il nostro titolo su questa terra è chiaro. Adalah, il Centro legale per i diritti delle minoranze arabe in Israele, ha recentemente riportato alla luce i contratti di affitto dagli archivi statali israeliani, che documentano come la Gran Bretagna abbia firmato contratti di locazione per affittare questo sito dalla nostra famiglia e da altre fino al 1948. Ma dopo la fondazione di Israele, il governo ha rilevato la proprietà e per diversi anni la polizia di frontiera l’ha utilizzata come stazione. Da allora è rimasta vuota.

Quest’anno ricorre il 75° anniversario della nakba, che in arabo significa “catastrofe”. La nakba si riferisce all’imposizione del dominio israeliano nel 1948 su più di tre quarti della Palestina contro la volontà della maggioranza degli abitanti palestinesi, centinaia di migliaia dei quali furono cacciati dalle loro case o costretti a fuggire.

Invece di permettere a questi rifugiati palestinesi di tornare alle loro case, come richiesto dal diritto internazionale e dalle risoluzioni delle Nazioni Unite sostenute dagli Stati Uniti, Israele ha distrutto centinaia di villaggi palestinesi e ha confiscato ai palestinesi qualsiasi proprietà ritenesse utile.

Lo strumento legale attraverso il quale Israele ha confiscato terre e proprietà palestinesi è la legge sulla proprietà degli assenti del 1950. Israele ha usato questa legge per espropriare ai proprietari palestinesi il terreno che gli Stati Uniti stanno ora considerando per la loro ambasciata.

Il Dipartimento di Stato è a conoscenza da oltre 20 anni delle nostre inattaccabili rivendicazioni su questo sito.

Lo so perché sono stato uno dei proprietari palestinesi che nel 1999 ha fornito all’allora Segretario di Stato, Madeleine Albright, un’ampia documentazione che dimostra che almeno il 70% di questa terra è di proprietà di rifugiati palestinesi, tra cui decine di eredi cittadini americani.

A novembre, Adalah e il Centro per i diritti costituzionali hanno inviato una lettera al Segretario di Stato Antony Blinken e all’ambasciatore americano in Israele, Thomas Nides, chiedendo l’immediata cancellazione di questo piano. Adalah e il Centro hanno chiesto un incontro con loro per condividere le nostre preoccupazioni, ma non hanno ancora risposto. Il Dipartimento di Stato ha dichiarato che sta prendendo in considerazione due siti, che la sua decisione finale è in sospeso e che esercita sempre “la dovuta diligenza” nell’acquisizione di proprietà. In realtà, le trascrizioni ufficiali israeliane degli scambi tra funzionari statunitensi e israeliani suggeriscono che il piano è quello di utilizzare il sito della Caserma Allenby per l’ambasciata e un altro sito, vicino all’attuale ambasciata che si trova sulla linea dell’armistizio del 1949, per altre esigenze diplomatiche.

Ma non si tratta solo di un terreno. Benjamin Netanyahu è tornato al potere in Israele, a capo del governo di destra più apertamente razzista della storia del Paese. Ne fanno parte ministri come Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich, che sposano apertamente la supremazia ebraica e hanno espresso il loro sostegno all’espulsione dei palestinesi autoctoni da Israele.

La costruzione di un’ambasciata statunitense a Gerusalemme, in questo sito o in qualsiasi altro, costituisce un’offesa legale e morale. Solidificherebbe le rivendicazioni esclusiviste di Israele sulla città, il cui status permanente è ancora da determinare, secondo gli Stati Uniti e la comunità internazionale. In sostanza, darebbe il via all’incessante sfratto dei palestinesi dalle loro case e proprietà a Gerusalemme, rafforzando le politiche di apartheid di Israele nella città e isolando ulteriormente Gerusalemme Est dalle altre aree palestinesi della Cisgiordania.

L’amministrazione Biden sta ora calibrando le sue politiche nei confronti del nuovo governo israeliano, comprese le eventuali conseguenze che ne deriveranno quando Israele accelererà la repressione dei diritti dei palestinesi e l’espansione degli insediamenti illegali, come hanno promesso Netanyahu e i suoi alleati.

Per essere chiari, l’opposizione degli Stati Uniti all’impresa israeliana degli insediamenti e all’espropriazione delle terre palestinesi non è mai stata più che retorica. Per decenni, Washington ha deplorato il comportamento di Israele, pur rimanendo complice della sua colonizzazione, fornendo al Paese più di 3 miliardi di dollari in aiuti militari ogni anno, gran parte dei quali vengono utilizzati per opprimere i palestinesi.

Tuttavia, l’amministrazione Biden dovrebbe rifiutare di costruire su terreni confiscati, dimostrando che gli Stati Uniti non tollereranno, e tanto meno saranno complici, del furto di altre proprietà palestinesi, a Gerusalemme o altrove. In caso contrario, non si farà altro che incoraggiare il nuovo governo pericolosamente estremista di Netanyahu e minare ulteriormente la credibilità degli Stati Uniti nella regione, già gravemente compromessa.

Rashid Khalidi è professore di storia moderna del Medio Oriente alla Columbia e autore di “The Hundred Years’ War on Palestine”.

Articoli Correlati

Fonte: Pax Christi – https://www.paxchristi.it/?p=21574

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *